Legabasket: Verona vince ma Brescia è comunque alle Final Eight, le pagelle

102

Partita non bella ma certamente combattuta all’AGSM Forum. Verona dopo un inizio complicato è salita di livello mettendo una grande energia e ha trovato un super Anderson nel terzo quarto. Brescia è parsa un po’ spenta e non è bastato un ottimo Gabriel per superare la Tezenis. La Germani è comunque alle Final Eight come ottava qualificata grazie ai risultati degli altri campi. Partita finita 81-77.

Tezenis Verona

Cappelletti 6: Brescia cerca di disinnescarlo difendendo duro su di lui, sale di livello alla ripresa guidando i suoi con ordine e disciplina.

Holman 6: alterna buone cose a errori rivedibili, comunque sufficiente.

Ferrari n.e.

Casarin 6,5: il classe 2003 mostra lampi di classe con assistenze spettacolari e tiri importanti. Unico neo i troppi falli, alcuni piuttosto banali

Johnson 6,5: realizza 14 punti e cattura 6 rimbalzi, presenza importante per la Tezenis.

Bortolani n.e.

Candussi n.e.

Rosselli s.v.

Anderson 8: nel primo tempo sbaglia tantissimo, alla ripresa sale di livello e la mette sempre con 15 punti solo nel terzo quarto. MVP.

Udom 6,5: inizia in punta di piedi ma poi ha un grandissimo impatto sulla partita su entrambi i lati del campo.

Sanders 7: il talento non manca di certo e lo dimostra anche contro Brescia: ottimo 4/4 dalla lunga distanza.

Smith 7: difensore d’élite che in attacco finalizza quasi tutti i palloni giocabili che riceve.

Germani Brescia

Gabriel 7,5: affidabile al tiro, leader emotivo di questa squadra.

Nikolic 6: detta i ritmi e all’occorrenza sa quando mettersi in proprio.

Della Valle 6: non ripete la splendida prestazione contro Badalona, qualche giocata d’astuzia e alcune triple che tengono in partita i suoi.

Ghidini n.e.

Taylor 5,5: si vede poco sia in attacco che in difesa.

Cobbins 5,5: qualche buona difesa e poco altro da segnalare.

Odiase 5,5: non domina come sarebbe lecito aspettarsi contro una squadra decisamente undersized.

Burns 6: non sfigura nei pochi minuti in cui rimane in campo.

Laquintana 5: complice l’assenza di Massinburg ritrova tanto spazio giocando anche da guardia o comunque da handler secondario ma convincendo solo a metà.

Cournooh 6: le sue accelerazioni bucano la difesa della Tezenis, qualche sbavatura ma prestazione competente.

Moss 6: buon contributo da parte del capitano.

Akele 6: rimane in campo solo 5 minuti, non gioca nemmeno male ma Magro ha preferito cavalcare Gabriel.