Legabasket: Virtus Bologna-Olimpia Milano, le parole dei protagonisti

113

Inizio del nuovo anno con il botto per la Legabasket. Oggi, infatti, scenderà in campo la tredicesima giornata del campionato di Serie A in un turno che si prospetta di fuoco. Protagonista assoluto sarà il big match tra Virtus Bologna e Olimpia Milano, un vero e proprio classico della nostra Serie A. A poche ore dal fischio di inizio della sfida, vediamo insieme come hanno presentato la gara i protagonisti di questa rivalità.

Dal lato Virtus Bologna, ci ha pensato Sergio Scariolo a sviscerare quali potrebbero essere le chiavi della gara. Il ct della Spagna ha prima chiamato a raccolta i tifosi della squadra, sicuro del giusto sostegno in previsione di una partita molto complicata. Di seguito, ha analizzato i punti su cui i suoi giocatori dovranno fare più attenzione.

Dobbiamo essere pronti a difendere per tutti i 24 secondi del possesso, perchè Milano è una squadra capace di usali tutti. Dovremo anche cercare di catturare la maggior parte dei rimbalzi difensivi, mentre in attacco dovremo giocare con intelligenza. Dobbiamo mettere la palla dove avremo vantaggio, limitando palleggi inutili e facendo circolare bene il pallone. Dovremo avere concentrazione e pazienza.

L’allenatore della Virtus, inoltre, ha rilasciato anche un’interessante intervista al Corriere della Sera. Vi rimandiamo al sito di Sportando per leggere tutti i temi toccati nella discussione, ma uno in particolare ha riguardato anche la sfida di stasera. Oggi, infatti, si giocherà una gara importante soprattutto per l’umore delle due squadre e dei tifosi, ma che in fondo potrà decidere ben poco sulle sorti delle rispettive compagini.

Per i tifosi resta una sfida dai toni superiori, ma né la stagione né la vita di entrambe si decideranno in questa partita. Per Bologna e Milano vedo un ruolo di responsabilità anche a livello italiano, in campionato siamo un riferimento che gli altri club provano ad avvicinare.

A rafforzare le parole di Scariolo è intervenuto un altro dei possibili protagonisti della gara, Alessandro Pajola. Il playmaker, che viene da una splendida prestazione in Eurolega, potrà essere un vero e proprio incubo per l’attacco avversario, promettendo scintille.

Mi aspetto una bella partita, diversa da quella di Supercoppa e Eurolega perché ci sono condizioni diverse tra infortuni e altro. Dovremo migliorare a rimbalzo e muovere molto il pallone in attacco, perché se lo fermiamo rendiamo la vita più facile a Milano. La chiave saranno i rimbalzi e l’energia.

Dal lato Olimpia Milano, a riscaldare l’ambiente ci aveva pensato Ettore Messina qualche giorno fa con le sue dichiarazioni sul rapporto con Bologna. Di certo sarà una gara speciale e molto sentita per il coach che però, come spesso accade, ha voluto affidare la presentazione al proprio vice Mario Fioretti.

Tutte e due le squadre arrivano a questa partita in un buon momento, entrambe reduci da eccellenti prove in campionato e Eurolega. Noi dovremo essere concentrai su ogni aspetto del gioco perché loro hanno il massimo della qualità in tutti i ruoli. Ci aspettiamo una partita dura e combattuta, come sempre a Bologna, ma contiamo di riuscire a dare il meglio possibile.

Infine, non poteva non parlare del big match il grande ex di turno, Giampaolo Ricci. Pippo ha rappresentato un pezzo importante del passato Virtus, ma oggi si trova dall’altro lato per il secondo anno consecutivo. L’ex capitano delle Vu nere ha voluto sottolineare l’importanza della gara per Milano, sia per la rivalità presente che per il momento che le scarpette rosse stanno attraversando.

Una gara importantissima, ma dobbiamo pensare che tutte le partite sono delle finali. Chiaramente, in campionato quel che conta è essere in forma a maggio/giugno, tuttavia vincere aiuta a vincere. Dobbiamo pensare a una partita alla volta, adesso c’è quella con la Virtus sulla quale concentrarsi.

Chi potrebbe costituire un fattore importante nella gara? Ricci non ha molti dubbi.

Brandon Davies ha un potenziale enorme. Ultimamente lo stiamo cavalcando tantissimo e lui sta rispondendo bene. Ad inizio ha avuto qualche problema, credo sia anche normale: squadra nuova e compagni nuovi. In attacco ha grandissimo talento.