Legabasket, Virtus Bologna: pronta un’interpellanza parlamentare?

0
141
Basket
Grafica Grazia Cifarelli

Nonostante il campionato di serie A sia stato dichiarato concluso martedì e il presidente della FIP Petrucci abbia già confermato che, per ragioni di buon senso, lo scudetto non verrà assegnato e che sulla questione promozioni e retrocessioni spetterà alle leghe prendere decisioni, pare che la querelle legata al titolo 2019/2020 sia destinata a proseguire.

L’amministratore delegato della Virtus Bologna Luca Baraldi è, infatti, tornato sull’argomento ribadendo più volte la sua volontà di proseguire il campionato anche in estate inoltrata, sostenendo che una decisione del genere potesse essere presa solo dal governo e affermando, inoltre, che la chiusura del campionato sia stata solo una scusa per le piccole società per non pagare i propri giocatori.

scudetto

Nella serata di ieri il giornalista Daniele Labanti ha confermato che potrebbe esserci una nota su una interpellanza parlamentare per assegnare lo scudetto alla squadra prima al termine del girone d’andata, ovvero la Virtus Bologna.

Secondo lo stesso giornalista i senatori Pier Ferdinando Casini e Valeria Fedeli si sarebbero rivolti al ministro dello sport Spadafora perché, nonostante i due senatori rispettino le decisioni delle Federazioni sportive che hanno optato per concludere i campionati, ritengono sia giusto comportarsi come già accaduto in altri paesi come il Belgio e hanno, quindi, proposto che il CONI e le Federazioni stesse assegnino il titolo a quelle società che, nel momento attuale, si trovano ad essere in testa ai relativi campionati.

Di seguito il testo dell’interrogazione presentata al ministro dello sport:

“I senatori Pier Ferdinando Casini e Valeria Fedeli hanno presentato un’interrogazione al Ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora.

Nel testo, i senatori interroganti, preso atto che, nella loro autonomia, diverse Federazioni sportive hanno ritenuto di sospendere prima e poi definire conclusi i campionati delle relative discipline;

espresso il più vivo rispetto per queste decisioni che gli interroganti non ritengono in alcun modo di dover sindacare ma solo rispettare;

considerata l’esperienza analoga di altri Paesi (ad esempio il Belgio per il campionato di calcio);

chiedono al Ministro se non ritenga opportuno proporre al CONI e alle Federazioni sportive di assegnare i titoli di vincitori delle competizioni in corso a quelle società che, nel momento attuale, si trovano ad essere in testa ai relativi campionati”.

 

 

 

 

Diego nasce il 10/02/2000 a Pesaro. Fin da quando è solo un bambino coltiva la sua passione per la scrittura e per lo sport. Il suo obbiettivo è quello di trasformare queste sue passioni in un vero e proprio lavoro. Al momento scrive per Dunkest e Backdoorpodcast.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui