Melli e l’Olimpia Milano, avvicinamento per il rinnovo?

1301
Melli
Foto di Savino Paolella

Dopo la vittoria del terzo scudetto consecutivo, l’Olimpia Milano si è buttata a capofitto nelle trattative per i rinnovi della prossima stagione. Diverse delle pedine fondamentali del roster biancorosso, infatti, sono in scadenza e la società sta cercando di muoversi tra un colloquio e l’altro per capire cosa accadrà. Dato per scontato che Devon Hall lascerà, e che Stefano Tonut è sempre più vicino al rinnovo, l’EA7 sta parlando anche con altri nomi di importanza fondamentale. Tra questi, ovviamente, il capitano Nicolò Melli.

Quella con Melli è infatti la trattativa, per importanza simbolica e tecnica del giocatore, più importante di tutte. In queste ultime settimane se ne sono dette di ogni su quello che potrebbe essere il futuro dell’ex Bamberg, e con ogni probabilità sarà difficile avere certezze definitive fino al momento degli annunci ufficiali. La questione infatti non è semplice, dovendo tenere conto di tantissimi fattori (economici e non solo).

Nonostante questo, al momento le ultime indiscrezioni parlano di un possibile avvicinamento tra le parti. Se fino a poco tempo fa, nei cuori dei tifosi, regnava un po’ di pessimismo, ora si accende uno spiraglio per continuare a vedere Melli vestire la maglia Olimpia. Secondo quanto riportato da La Prealpina, infatti, dopo lo scudetto vinto come centro al fianco di Mirotic ora Melli sarebbe “più ben disposto” a rinnovare con Milano. Fino ad ora i colloqui che ci sono stati tra le parti sono risultati in fumate nere. Tuttavia, la vittoria dello scudetto potrebbe costituire una base più positiva su cui lavorare per il rinnovo.

Attenzione però a dare questo indizio come prova di un’effettiva estensione. La situazione rimane ancora decisamente sospesa, e solo le prossime ore sapranno dirci la verità. Novità potrebbero arrivare già domani, visto che Melli poi partirà per raggiungere il ritiro della Nazionale in Trentino. E il capitano Olimpia ha tutte le intenzioni di risolvere la questione prima di questa data, per poi concentrarsi unicamente sull’Azzurro.