Mercato: Clyburn e Rodriguez per Efes e Real, Milano resta vigile

1099

Conclusa l’Eurolega, è giunto il momento che molti aspettano: si apre il mercato. Nonostante esso non sia mai davvero chiuso anche durante la stagione, è adesso che le voci iniziano ad impazzare più che mai. Doveroso è quindi uno dei nostri consueti aggiornamenti, per ricapitolare quello che è successo in questi giorni e che potrebbe accadere. La prima notizia da segnalare riguarda sicuramente l’Anadolu Efes. Come ben sappiamo i turchi hanno vinto le Final Four ed il regalo per Ataman non si è fatto attendere: Will Clyburn.

L’ala americana si libererà dal proprio contratto con il CSKA Mosca il 30 Giugno, e in queste settimane molte sono state le voci sul suo conto. D’altronde, trattasi di uno degli articoli più prelibati dell’intero panorama europeo. Inutile dire che tutte le big si erano mosse, ma ad anticipare ogni discorso è stato proprio l’Anadolu Efes. In questo modo, Ataman va ad aggiungere al proprio ricco roster un altro giocatore da 90, che potrebbe rendere la squadra di Istanbul competitiva ancora per molto tempo. Il trio Micic-Larkin-Clyburn fa già paura. Sempre ammesso che i due talenti rimangano.

Quello di Will Clyburn tuttavia potrebbe essere soltanto il primo di una serie di clamorosi trasferimenti quest’estate. L’Eurolega infatti è piena di free agent dai grandi nomi in cerca di una destinazione, e uno tra di loro sembra aver fatto la propria scelta. Ne avevamo parlato nelle scorse settimane, ma ora il Mundo Deportivo lo ha confermato: Sergio Rodriguez ha scelto di tornare al Real Madrid. L’aggiunta del playmaker ha ricevuto la benedizione di Laso, e i blancos hanno raggiunto l’accordo sfruttando la voglia del giocatore di tornare in Spagna. Sempre secondo il quotidiano, l’Olimpia aveva già intavolato un discorso con il Chacho per il rinnovo ma presentando un’offerta “al ribasso”.

Il Real continua quindi la rifondazione del proprio backcourt. La società ha capito di dover rinforzare il reparto di playmaker a propria disposizione, e l’aggiunta di Rodriguez è la scelta migliore. Il Chacho porterà esperienza e leadership, e non dovrà neanche andare incontro ad un eccessivo affaticamento. Nei piani dei blancos, l’acquisto dell’ex Cska dovrebbe essere accompagnato infatti da quello di Pierria Henry. Il Fenerbahce molto probabilmente lascerà andare il giocatore, mentre la squadra di Laso ha già trovato un accordo con il Baskonia (detentore dei diritti).

Per un playmaker che parte, un altro ne deve arrivare. Sarà necessariamente questa la prossima mossa dell’Olimpia Milano. La squadra di Messina tuttavia in queste settimane è molto attiva e vigile, e ha già messo in cantiere diversi acquisti: Pangos, Voigtmann e Mathews sono quasi cosa fatta. Come se non bastasse, come riportato dal nostro Orazio Cauchi, Brandon Davies viaggia sempre più in direzione Milano. Il lungo sembra sempre più lontano da Barcellona e al momento la trattativa con l’Armani è in fase avanzata.

Non basterà solo questo però per rendere l’Olimpia nuovamente competitiva. L’addio del Chacho non può essere sostituito dal solo Kevin Pangos, e Milano dovrà agire sul mercato per assicurarsi un esterno di talento. Da monitorare in questo senso è la situazione Shane Larkin. La permanenza del giocatore all’Efes non è infatti così certa e, nel caso di un suo trasferimento, l’Armani ci sarà. I contatti con l’entourage del giocatore ci sono già stati, ma ovviamente molte saranno le variabili in gioco. Una su tutte il destino di Vasilije, per cui continua ad essere forte il richiamo delle sirene NBA.

Si dovesse avverare un acquisto del genere, il duo Pangos-Larkin fa risplendere gli occhi dei tifosi di Milano. Al momento, tuttavia, l’altro acquisto più concreto dell’Olimpia sembra essere Stefano Tonut. Come riportato stamane da Alessandro Maggi, l’ormai ex Venezia è sempre più vicino alla firma di un biennale con le scarpette rosse con opzione per un terzo anno. Un acquisto prevedibile, dopo tutte le vicissitudini della scorsa estate. Da verificare, invece, sono le piste Tessitori e Strautins. I due giocatori potrebbero andare a rimpolpare il pacchetto italiani di Milano, ma molto probabilmente solo con l’uscita di Biligha e Datome (con cui sono stati avviati discorsi per il rinnovo).

Come si può quindi notare, il mercato europeo è entrato nel vivo. Ancora non è iniziata l’estate, ma quelle che si prospettano saranno settimane di fuoco. Una corsa tutta da vivere, per poi tornare a far parlare ciò che davvero conta: il campo.