Mercato: le destinazioni di Mannion e il futuro della coppia Wade-Crawford

163
Heat

Il weekend di mercato è stato calmo dal punto di vista italiano, ma ancora si muovono le pedine tra Europa e NBA.

ITALIA

Il nostro Nico Mannion che sta facendo girare diverse teste in America e ha ridotto a quattro gli atenei per cui vorrebbe giocare nella prossima stagione. Questi sono: Duke, Villanova, Marquette o Arizona e ormai la scelta è vicina dopo aver avuto anche apprezzamenti da Steph Curry in una competizione di uno contro uno che lo ha visto incantare tutti.
La Flexx Pistoia è ancora alla ricerca del proprio fromboliere, o perlomeno di una guardia americana, anche se la corsa ormai sembra essersi ristretta a due nomi: Dominique Johnson o Michael Jenkins, che hanno caratteristiche diverse tra loro, ma dovranno ugualmente diventare il leader tecnico della squadra.

EUROPA

Il Maccabi Tel Aviv sta pensando a un ultimo colpo di mercato importante e il nome di Tariq Black è sui taccuini israeliani. Per capire meglio giocatore e persona, segnaliamo un pezzo evocativo uscito su Ultimo Uomo a firma Dario Vismara, utile a spiegare quello che c’è dietro un professionista NBA non di primissima fascia.
L’Hapoel Gerusalemme impreziosisce il suo roster con un colpo da Eurolega, infatti atterra la guardia James Feldeine, visto in Italia a Cantù e in Europa con il Panathinaikos. Oltre a lui arriva anche Da’Sean Butler che lascia così il Ratiopharm Ulm dopo tre anni e 10.3 punti di media nel campionato tedesco.
Un’altra vecchia conoscenza italiana come Joe Ragland, sfumata la trattativa con Avellino, sembra vicinissimo all’accordo con la Stella Rossa, mentre il Galatasaray annuncia la firma dell’ala Caner Erdeniz ex Eskisehir.

NBA

Ci sono ancora diversi giocatori alla ricerca di dimora per la prossima stagione e uno su tutti è Dwayne Wade, che non ha ancora deciso se il futuro sarà in NBA, oppure dietro a una scrivania, ma di certo non sarà in Cina dove ha ricevuto un’offerta faraonica. La stella degli Heat però ha fatto sapere una cosa:

Se giocherò in NBA sarà solo ed esclusivamente per i Miami Heat. Non ci sono alternative. Ora devo fare ciò che è bene per la mia famiglia e questo è rimanere a Miami; per giocare o meno al momento non lo so.

Una dichiarazione d’amore definitiva dopo la sortita infruttuosa ai Cavs e ai Bulls.
Anche Jamal Crawford è un altro veterano in cerca di squadra per la sua ennesima stagione e anche lui non ha fatto mistero di una destinazione a lui gradita, infatti si sarebbe detto onorato di giocare a Philadelphia nel caso i Sixers dovessero bussare alla sua porta.
Per chiudere la domenica in modo piuttosto piccante è arrivato il video in cui Isaiah Thomas definisce un “buco di merda” Cleveland, giustificando la seconda dipartita di LeBron James verso Los Angeles. Sono arrivate poi le scuse ufficiali del giocatore, che non nascondono però la sua verità sulla sua esperienza in Ohio.