Mondiali 2019 | Recap della seconda giornata di quarti di finale

0
Gobert

Dopo la Serbia ieri, i quarti di finale della FIBA World Cup vedono cadere l’altra grande favorita per la vittoria finale, ovvero quel Team USA che, nonostante i forfait dei big, era ovviamente la grande indiziata per alzare il trofeo nel cielo di Pechino. A Dongguan l’eroe di giornata è Rudy Gobert, che con una prestazione monstre da 21 punti e 16 rimbalzi guida la Francia al 79-89 (QUI il boxscore completo) che costringe ora la squadra di Popovich a lottare per il quinto posto, traguardo massimo raggiungibile dopo la debacle odierna. Per Gobert e compagni, ora, è in arrivo la semifinale di Pechino contro l’Argentina alle 14.00 di venerdì 13 settembre italiane.
Nella gara di chiusura dei quarti di finale giocata a Shanghai, a spuntarla è l’Australia per 82-70 (QUESTO tabellino completo), che dopo un primo tempo giocato sul filo dell’equilibrio è riuscita ad allungare nel terzo periodo grazie a un super Patty Mills, autore alla fine di 24 punti.
Battuta la Repubblica Ceca, ora l’avversario della semifinale di venerdì 13 (ore 10.00 in Italia) è la Spagna di Sergio Scariolo, che ieri ha battuto la Polonia.
E’ indubbio come le due sorprese di questo turno aprano ora scenari totalmente inaspettati e nuovi per le squadre rimaste, adesso veramente convinte di poter vincere un Mondiale che, fino a qualche ora fa, sembrava ad appannaggio di Serbia e Stati Uniti.
Cosa succederà nelle semifinali lo scopriremo solo tra due giorni, nel frattempo per un racconto più dettagliato di quanto successo oggi, qui sotto il solito appuntamento con il recap giornaliero:

Davide nasce a Pavia il 27/02/1993. La sua personale folgorazione sulla via di Damasco avviene in tenera età grazie alle giocate di Kobe Bryant e Manu Ginobili. Laureato in Economics, finance & international integration all'Università di Pavia, si è sempre definito tifoso Lakers e interista per autolesionismo. La frase che secondo lui raccoglie più di tutte l'essenza della pallacanestro è "Ball don't lie", tanto da decidere di tatuarsela addosso.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here