NBA primetime: la preview di Thunder-Pelicans

161
Primetime

New Orleans Pelicans @ Oklahoma City Thunder – Sabato 2 Novembre

I MOTIVI PER NON PERDERSELA

• Anche con Zion Williamson fuori, i Pelicans rimangono una squadra molto intrigante dopo le mosse fatte nella offseason, quando hanno aggiunto Lonzo Ball, Brandon Ingram, JJ Redick, Derrick Favors e Josh Hart, oltre ai rookie Jaxson Hayes e Nickeil Alexander-Walker (Canada).

• Jrue Holiday di New Orleans è uno dei giocatori più sottovalutati dell’NBA. È un ottimo giocatore su entrambi i lati del campo ed è molto rispettato per la sua professionalità e leadership – assets fondamentali in una squadra così giovane. 

• I Thunder hanno riorganizzato il roster in seguito alle partenza di Paul George e Russell Westbrook, costruendo una squadra competitiva guidata da Chris Paul, Steven Adams, Danilo Gallinari e dall’NBA All-Rookie Second Team 2018-19 Shai Gilgeous-Alexander (Canada).

• Gilgeous-Alexander e il rookie dei Pelicans Nickeil Alexander-Walker sono cugini, entrambi canadesi ed ex compagni di squadra al liceo.

GIOCATORI DA SEGUIRE

Brandon Ingram, Pelicans: Ingram ha mostrato soltanto dei flash del suo potenziale con i Losa Angeles Lakers nella scorsa stagione, la terza in NBA. Ha appena compiuto 22 anni e ha ancora ampi margini di miglioramento.

Lonzo Ball, Pelicans: Ball, che ha fatto debuttare la sua nuova meccanica di tiro nella sua prima stagione con New Orleans, è un passatore d’élite con ottimi istinti. Danilo Gallinari, Thunder: Gallinari ha segnato 19.8 punti di media a partita, career high, con i Clippers l’anno scorso. Ha sostituito Paul George come attaccante primario. 

Steven Adams, Thunder: Steven Adams è un fedelissimo dei Thunder ed uno dei migliori centri dell’NBA. La scorsa stagione ha segnato 13.9 punti di media per il secondo di fila, oltre ad aver raccolto 9.5 rimbalzi di media, career high. 

CURIOSITÀ

• I New Orleans Pelicans hanno giocato due stagione (2005-07) a Oklahoma City a causa dell’Uragano Katrina. Chris Paul era parte di quella squadra, vincendo l’NBA Rookie of the Year nel 2005-06.

• JJ Redick ha fatto registrare le medie punti più alte della carriera in due stagioni di fila – all’età di 33 anni (12° stagione) e 34 anni (13° stagione).

• I Pelicans hanno cinque giocatori che hanno giocato al college a Duke: Brandon Ingram, Frank Jackson, Jahlil Okafor, JJ Redick e Zion Williamson.

 • Abdel Nader dei Thunder è soltanto il secondo giocatore egiziano a giocare in NBA, dopo Alaa
Abdelnaby.

 • Hamidou Diallo di Oklahoma City ha vinto lo Slum Dunk contest all’NBA All-Star 2019. Ha salato
113,03cm in verticale all’NBA Draft Combine 2017, il secondo risultato più di sempre.

Chicago Bulls @ Indiana Pacers – Domenica 3 Novembre

I MOTIVI PER NON PERDERSELA

• I Bulls hanno un interessante young core guidato dal potenziale All-Star Zach LaVine e le ultime prime 7 scelte agli NBA Draft: Lauri Markkanen (2017), Wendell Carter Jr. (2018) and Coby White (2019).

• LaVine ha vinto per due volte l’NBA Slam Dunk, evolvendosi adesso in una shooting guard completa. Le sue capacità di segnare da tutte le zone del campo, di passare la palla e di difendere sono migliorate ai Bulls grazie alla guida di Jim Boylen.

• I Pacers hanno migliorato molto la squadra grazie all’aggiunta del Kia NBA Rookie of the Year Malcolm Brogdon, che la scorsa stagione ha giocato un ruolo chiave nella stagione da 60 vittorie di Milwaukee ed è diventato l’ottavo giocatori nella storia della lega a tirare come almeno il 50% dal campo, il 40% da tre punti ed il 90% i tiri liberi.

• Myles Turner e Domantas Sabonis (Lituania) danno ai Pacers due lunghi molto completi, di appena 23 anni. Turner, primo per stoppate l’anno scorso in NBA, ha giocato per Team USA al FIBA Basketball World Cup. Sabonis, figlio dell’Hall of Famer Arvydas Sabonis, è finito secondo nelle votazione per il Kia NBA Sitxh Man Award 2018-19.

GIOCATORI DA SEGUIRE

Lauri Markkanen, Bulls: Markkanen è una stella emergente che ha modellato il proprio gioco sulle orme di Dirk Nowitzki.  

Tomas Satoransky, Bulls: Dopo essere stata la riserva di John Wall per gran parte delle sue tre stagioni con i Wizards, Satoransky (Repubblica Ceca) è titolare nei Bulls.

TJ Warren, Pacers: L’aggiunta di Warren dà ai Pacers un attaccante aggiuntivo. Ha segnato 19.6 punti di media a partita con i Suns nel 2017-18, suo miglior dato in carriera.

Jeremy Lamb, Pacers: Lamb arriva da un’ottima stagione (15.3 ppg) con gli Hornets, e dà ai Pacers un ulteriore attaccante su cui contare.  

CURIOSITÀ

• Aaron Holiday e Justin Holiday di Indiana sono fratelli. L’altro loro fratello, Jrue Holiday, gioca per i New Orleans Pelicans.

• Thaddeus Young di Chicago ha giocato le ultime tre stagioni con i Pacers.

• Wendell Carter Jr. di Chicago aveva preso in considerazione Harvard prima di scegliere Duke.

• TJ Leaf di Indiana è nato a Tel Aviv, Israele, dove il padre ha giocato a basket da professionista, e ha vissuto lì per due anni e mezzo prima di trasferirsi in California.

• Coby White di Chicago è il miglior marcatore di tutti i tempi della North Carolina state high school.