NBA, Adam Silver: “È andata meglio di quello che avevamo immaginato”

331
Adam Silver

Il commissioner della NBA Adam Silver pochi giorni prima dell’inizio dei playoff ha rilasciato una lunga intervista a Sports Illustrated dove ha parlato ed espresso la propria opinione sull’attuale situazione legata al basket americano, sulla “bolla di Orlando” e sulla scelta della Lega di appoggiare il movimento Black Lives Matter.

Noi abbiamo riportato un estratto delle sue parole riguardati quella che viene definita la stagione più impegnativa della storia.

Adam Silver

La bolla, o il campus come l’ha definito lei, è operativa. È quello che speravi fosse?

È andata meglio di quello che avevamo immaginato. I giocatori hanno affrontato questa situazione in un modo più vivace di quanto pensassimo. Sapevamo che ciò avrebbe richiesto un enorme sacrificio da parte di tutti, ma penso che ciò che è difficile da calibrare – e questo forse dipende dalla mia esperienza quando sono entrato per la prima volta nell’arena – è l’emozione umana che deriva dall’essere intorno ad altre persone.

Ci sono giocatori le cui squadre non partecipano, che non sono stati in grado di impegnarsi questa estate a causa di infortuni o altri problemi, che, dopo aver parlato con altri giocatori NBA, hanno chiesto di unirsi all’esperienza di Orlando.

Penso che lo stare insieme, la fratellanza dei giocatori sia un aspetto importante. È stato così anche per gli allenatori, lo staff della squadra e la dirigenza. Togliere quelle maschere e stare assieme, che si tratti di qualcuno della tua squadra o di un avversario,il contatto con altre persone è un desiderio umano.

Qualcosa che avresti voluto fare, ma è stato impossibile?

Direi che la mia più grande delusione è che non siamo riusciti a trovare un modo sensato per portare là 30 squadre. Sappiamo che qui tutto implica compromessi, ma mi dispiace che ci siano otto squadre che non hanno preso parte all’esperienza.

L’NBA ha sostenuto il movimento impegnato nella lotta contro il razzismo, dai messaggi sul retro delle divise alle regole più accomodanti sull’inginocchiarsi durante l’inno. Francamente non è una posizione che penso che la Lega avrebbe assunto qualche anno fa. Cosa è cambiato?

L’omicidio di George Floyd è stato un punto di svolta nel movimento per la giustizia sociale negli Stati Uniti. Il campionato, i proprietari e i giocatori hanno avuto molte incontri su ciò che stava accadendo nel nostro paese, sul fatto che circa 25 milioni di americani abbiano protestato per questioni legate all’ingiustizia razziale. E, naturalmente, c’è il riconoscimento che circa l’80% dei nostri giocatori sono neri.

L’uccisione di George Floyd e le proteste stavano accadendo proprio nel momento in cui stavamo negoziando i protocolli di ritorno con i giocatori, e  quindi hanno anche ritenuto fosse parte integrante del ritorno al basket che ci concentriamo collettivamente su queste questioni.

Popovich

Le critiche che derivano dall’abbracciare questa posizione da parte della NBA, da parte di politici e reti conservatrici, sono solo il prezzo da pagare?

Ad essere onesti, mi mette a disagio. Capisco i critici che dicono di concentrarsi sullo sport per evitare polemiche. Ma è inevitabile in questo momento nel nostro paese. Vorrei che ci fosse un percorso più facile da seguire per noi in questo momento. Anche se ci fosse, non credo che sarebbe necessariamente la cosa responsabile da fare.

Penso che i nostri fan siano in grado di separare le parole sul parquet o i messaggi sulle maglie dei giocatori. Anche nella misura in cui non lo fanno, penso che riconoscano che questi non sono tempi semplici. I nostri giocatori non sono persone unidimensionali e possono allo stesso modo essere profondamente preoccupati per le questioni che il nostro paese deve affrontare e svolgere il loro mestiere al massimo livello.

Per quanto riguarda la prossima stagione. A che punto sono le fasi di pianificazione? Ci sarà un seconda bolla se la situazione non cambierà?

Stiamo pianificando la prossima stagione. La nostra prima e più grande priorità sarebbe trovare un modo per avere fan nelle nostre arene. Stiamo continuando a esaminare tutti i diversi metodi di test. Siamo aggiornati sugli sviluppi dei vaccini, sugli antivirali e su altri protocolli riguardanti la possibilità di riunire le persone nelle arene. Stiamo studiando cosa stanno facendo i college mentre cercano di riportare migliaia di studenti nel campus. Cercheremo di trovare il giusto equilibrio, in modo da avere le migliori informazioni possibili nel momento in cui dovremo prendere una decisione. Vorremmo trovare un modo per giocare davanti ai fan.