NBA: ex dipendente Timberwolves accusato e arrestato per furto

49
Edwards
Anthony Edwards, Minnesota Timberwolves. Credits: IPA Agency.

Nella notte è circolata la notizia secondo cui un ormai ex impiegato dei Minnesota Timberwolves, Somar Sarkar, sia stato prima licenziato dall’organizzazione, poi arrestato e accusato per furto con scasso di terzo grado presso il tribunale distrettuale della contea di Hennepin. A riportare la notizia è stato Paul Walsh dello Star Tribune, secondo il quale il misfatto risale già alla giornata di lunedì.

Sarkar, 33 anni, sarebbe colpevole di aver rubato delle informazioni strategiche dall’hard disk di Sachin Gupta, capo del dipartimento di analisi della squadra. L’hard disk era scomparso dall’ufficio di Gupta circa un mese fa ed è stato ritrovato una settimana dopo, quando si è scoperto che erano stati copiati dal dispositivo circa 5,700 file. Questi contenevano informazioni riguardo contratti di lavoro e di giocatori, “informazioni strategiche dell’NBA”, oltre ad alcune informazioni finanziare del dirigente.

Sarkar al momento è tenuto in custodia e oggi dovrà affrontare un’udienza, la quale verosimilmente non gli lascerà molto scampo: dopo una perquisizione del suo appartamento, la polizia ha trovato numerosi hard disk, un computer, tre tablet e diverse chiavette USB. La polizia ha inoltre dichiarato che uno dei dispostivi trovati conteneva tutte le informazioni dell’hard disk di Gupta.
Sarkar ha tentato di difendersi affermando che, in quanto membro del coaching staff di Minnesota, avrebbe preso l’hard disk per inserirvi del materiale ma si sarebbe dimenticato di restituirlo.

I Timberwolves hanno ovviamente dichiarato di essere al corrente della situazione ma di non avere alcun commento da fare al riguardo, almeno fino a quando la vicenda non sarà conclusa. Secondo una fonte di ESPN, l’organizzazione non avrebbe intenzione di perseguire delle accuse penali, tuttavia Gupta si è detto “molto preoccupato che Sarkar possa diffondere le informazioni della proprietà dei Timberwolves e le sue informazioni personali” come riporta uno dei documenti del tribunale.

Tommaso Busato
Laureato in Comunicazione all'Università di Padova. Grande appassionato di sport e dei valori che trasmette, specialmente di NBA, rugby e tutto ciò che ambisce alla grandezza. Afflitto da inguaribile curiosità, in particolare per le statistiche e i dettagli.