NBA – La rinascita dei Nets firmata D’Angelo Russell

558
Nets

I Brooklyn Nets sono chiaramente una delle sorprese della stagione con il loro record (attuale) di 36-34 che li tiene pienamente in corsa playoffs nella Eastern Conference. Un notevole balzo in avanti considerando che nelle ultime due stagioni hanno a malapena superato le 20 vittorie, portandosi avanti una situazione pesantemente condizionata dal lontano scambio Pierce-Garnett con Boston, il quale ha condizionato la vita dei Nets a causa delle numerose scelte scambiate, impedendone la rifondazione.

ICE IN MY VENIS

La rinascita porta chiaramente il nome di D’Angelo Russell. L’ex Lakers ha migliorato sostanzialmente tutte le sue statistiche e ha conquistato anche il suo primo All Star Game, dimostrando di avere quel talento che tutti avevano intravisto a Ohio State.
I Nets gli hanno messo la squadra in mano e lui ha risposto presente con 20 punti e 6.8 assist di media, migliorando anche la sua percentuale da 3 punti (36% rispetto al 32% dello scorso anno) mostrando sostanziali miglioramenti in tutto il suo gioco. Probabilmente uscire da LA lo ha aiutato. 23 anni appena compiuti, il futuro è roseo.

LA SORPRESA DINWIDDIE

Non si può non parlare della stagione pazzesca di Dinwiddie che sta sorprendendo tutti.
Per l’ex Pistons sono 17 di media con 5 assist ad allacciata di scarpa, un’ottima spalla per D’Angelo e un tassello fondamentale per i Nets.
La grande domanda ora è riguardo il suo rinnovo. In scadenza da un contratto decisamente basso (1,6 milioni) tenerlo sarebbe importante per Brooklyn, magari trovando un accordo lontano da cifre che potrebbero ingolfare il Salary Cap.

LA RINASCITA SALARIALE

I Nets si stanno rilanciano non solo sul campo ma anche dal punto di vista manageriale. Dopo anni di monte salariale ingolfato finalmente i Nets si presentano alla offseason con una situazione limpida.
D’Angelo ha una opzione da 9 milioni, ma è lecito pensare che ambirà a un ricco rinnovo, mentre pesa la player option da 18 milioni di Allen Crabbe. Tolti i 7 milioni garantiti di Joe Harris e i contratti dei rookie la squadra è sostanzialmente tutta da creare/rinnovare con ampi margine di manovra nella prossima free agency.
La grande notizia è che il prossimo anno sarà l’ultimo in cui i Nets pagheranno ancora Deron Williams. Pazzesco…

LA SPERANZA PLAYOFFS

Per i Nets i playoffs sono una speranza concreta, attualmente al settimo posto della eastern conference. Alle spalle ci sono gli Heat con tre gare di ritardo, seguiti dai Magic con quattro. Il calendario è insidioso con una doppia sfida ai Bucks, una ai Raptors e ben 6 trasferte consecutive a ovest (tra cui i Clippers). L’ultima gara di regular season è proprio contro Miami, possibile spareggio di fuoco?