Next Gen: un quintetto da tener d’occhio

2220
next gen

Con la vittoria dell’Olimpia Milano si è conclusa anche la Next Gen 2024. Una Next Gen che ci ha permesso di guardare diversi giovani interessanti, tra cui abbiamo deciso di selezionare un quintetto più un sesto uomo. Vi analizzeremo quindi i sei giocatori che ci hanno stupito maggiormente. Non andremo ad analizzare i soliti giocatori sentiti mille volte come Niang, Torresani, Miccoli ecc.. ma alcuni volti nuovi ed altrettanto interessanti.

 

Nicolas Tanfoglio

Nicolas Tanfoglio è un ragazzo classe 2005 che gioca alla Leonessa Brescia e in più occasioni ha giocato anche qualche minuto in Serie A.

Gioca da playmaker e con la Pollini Brescia ha prodotto ben 17 punti a partita, con un’aumento nella fase a Trento, dove si è portato a 19.5. Ha delle ottime capacità di crearsi il tiro per se o cercare i compagni portando 5.2 assist a partita. Nella partita vinta contro Varese la sua ultima parte di partita è stata devastante segnando 4 triple fondamentali. Dovrà sicuramente migliorare il suo fisico considerati i soli 181 cm di statura ma la sua rapidità è fondamentale e gli permette di battere spesso i suoi avversari. In questa stagione oltre ad allenarsi con la Serie A, giocare con l’under19 gioca il campionato di Serie C 17.2 punti di media.

Lorenzo Baldi

Lorenzo Baldi è nato il 09/04/2005 a Piombino ed è una pointguard alta 183cm. Gioca per l’Allianz Derthona e in questa stagione è riuscito anche a segnare i suoi primi punti in LBA in occasione della sfida contro Sassari. Baldi è un handler offensivamente molto interessante con un’ottimo tiro e doti di ballhandling.

Nella fase finale a Trento ha prodotto più di 22 PPG con quasi 5 assist di media. Interessantissimo il dato relativo al rapporto tra assist e palle perse, leggermente inferiore a 3, un dato molto alto. Ha tirato con il 48.5% da 2 e il 36.4% da 3 nonostante si sia trovato in molte occasioni a dover forzare con pochi secondi restanti sul cronometro. Anche in difesa fa il suo mettendo una grandissima pressione sulla palla e rallentando il flusso offensivo avversario e infatti produce una palla persa per partita. Sembra non sentire più di tanto la pressione, infatti, nella finalissima ha realizzato 25 punti con 6 rimbalzi e 7 assist nonostante la grandissima fisicità dell’Olimpia. L’unica pecca di queste 3 partite sono il 63% ai tiri liberi.

Achille Lonati

Un’altro profilo molto interessante è Achille Lonati, nato il 22/01/2007 nei pressi di Milano, gioca da guardia ed è alto 195 cm. Tira da 3 in maniera clamorosa, infatti nelle finali ha concluso con 9/16, 56.2%. Nella scorsa estate è stato parte dell’argento europeo vinto dall’Italia con 12.3 PPG.

Il ragazzo made in Milano ha sicuramente un’ottimo tiro, dando alla palla anche un grande spin. Ha delle grandi capacità inoltre di penetrare forte come in occasione del canestro decisivo in LBA Next Gen. 9/13 dentro l’area per il classe 2007, che dimostra di utilizzare molto bene la sua fisicità andando spesso in lunetta, pur non avendo avuto molta fortuna in questo concentramento trentino. Nella Next Gen ha prodotto ben 16.7 PPG, con un high di 25 in semifinale contro Napoli dove ha smistato anche 4 assist. Come possiamo vedere dal video sa tirare sia in situazione di spot up che da palleggio, riuscendo a costruirsi il tiro da solo. Sa leggere molto bene i closeout e punirli con un palleggio arresto e tiro o andando a concludere dentro l’area con contatto.