Olimpia – Maccabi: fallo di Mirotic e il “giallo” Ricci, spiega Corrias

L’Olimpia Milano continua a vivere un incubo in EuroLeague. Dopo la recente sconfitta contro il Maccabi Tel Aviv, ora il record delle scarpette rosse in Europa recita 1 vittoria e ben 5 sconfitte. La gara contro gli israeliani ha certificato ulteriormente le difficoltà della squadra di Ettore Messina, che sembra non aver mai trovato una propria identità in campo fino ad ora. Per l’analisi tecnica della partita vi rimandiamo al nostro GamePlan, mentre qui affronteremo invece gli episodi chiave e più interessanti della gara dal punto di vista arbitrale grazie all’aiuto di Silvio Corrias, ex arbitro di Serie A presente nella nostra chat premium.

Il primo episodio incriminato riguarda il challenge richiesto da Ettore Messina su un contatto tra Jasiel Rivero e Nikola Mirotic. La chiamata in campo è quella di fallo del montenegrino, mentre l’allenatore dell’Olimpia crede che al contrario il contatto irregolare sia arrivato da parte di Rivero. Sarebbe stato possibile e giusto invertire la chiamata?

View post on imgur.com

Fallo di Mirotic, più trattenuta che blocco illegale. Rivero agita i gomiti ma non sembra colpire Mirotic che un po’ cerca di evitare il colpo, un po’ si lascia cadere. Messina chiede il challenge ipotizzando la gomitata di Rivero. Dalle immagini IRS non sembra ci siano spunti per applicare la “physical altercation”.

Se gli arbitri determinano che si tratti di un contatto particolarmente duro o non necessario possono comunque sanzionare la tipologia di fallo anche non avendolo fischiato, ma non possono cancellare il fischio precedente. Nel caso specifico, se ci fosse stato un fallo antisportivo attribuito a Rivero avrebbero dovuto amministrare prima il fallo di Mirotic: 2TL senza rimbalzo per Rivero; poi 2TL per Mirotic e possesso palla Olimpia.

Il secondo episodio riguarda invece un fischio dubbio su Giampaolo Ricci. Siamo a un minuto e mezzo dall’inizio del quarto quarto, Maccabi in attacco. Colson in penetrazione, Ricci lo contesta bene saltando e il pallone sfugge dalle mani dell’americano. Il giocatore dell’Olimpia, che riatterrando è finito fuori dal campo, riprende il pallone rientrando in gioco ma l’arbitro fischia: out of bounds a favore degli israeliani. Giusto o sbagliato? Risponde ancora Corrias:

View post on imgur.com

Non è semplice, almeno dalle immagini: pessime quando poi vengono riquadrate! Ricci è uscito dal campo mentre gioca (legale) non ci sono particolari restrizioni per il suo rientro. Panther sanziona palla fuori, assumendo che Ricci abbia preso la palla con entrambi i piedi staccati da terra dopo aver saltato con i piedi/e fuori dal campo. Dall’IRS però si percepisce un movimento diverso: Ricci tocca la palla con il piede sinistro sul terreno ed il destro sollevato! Il piede di Ricci ha la pianta a contatto del terreno e il tallone sollevato, ma è impossibile stabilire se è quanto una parte della scarpa tocchi la linea (la TV è piatta). Se la scarpa tocca la linea Ricci ha commesso violazione, se la scarpa nei suoi punti di contatto fosse sul terreno l’azione sarebbe legale. La sensazione è che Ricci sia in campo!

Marco Marini
Marco Marini
Marchigiano fuori sede, studio Relazioni Internazionali e nel frattempo mi diletto a scrivere della mia più grande passione: il basket.