Olimpia Milano campione d’Italia con un grande Mirotic, le pagelle

947
Free Agent
Nicolò Melli (EA7 Emporio Armani Olimpia Milano)

L’Olimpia Milano vince 85-73 contro la Virtus Bologna e conquista lo scudetto numero 31.

Parte forte l’Olimpia Milano cavalcando Mirotic vicino a canestro nonostante la Virtus schieri un quintetto pesante con Mickey-Shengelia e Dunston.
Il montenegrino è immarcabile e raccoglie punti e liberi senza difficoltà mentre la Virtus pecca di intensità con i soli Pajola e Cordinier a lottare su ogni possesso.
Shields stecca ma Napier crea tantissimo per i compagni ma la sorpresa è la prestazione difensiva di Mirotic con un paio di stoppate di alto livello.
Nel secondo tempo la Virtus riparte piano, complici i problemi di falli, e l’Olimpia allunga sul +18 con Dunston a cercare di incidere sotto canestro. Le palle perse e le brutte scelte offensive riportano la Virtus a -11 con la tripla di Abass.
Tante ombre sull’Olimpia con la Virtus che torna sotto in singola cifra ma è Nikola Mirotic con una tripla irreale a scacciare indietro gli ospiti.
Il finale regala qualche brivido ma Mirotic e Flaccadori sigillano il trionfo numero 31 dell’Olimpia Milano

OLIMPIA MILANO

Bortolani NE

Tonut 7: partita di grande sacrificio in difesa, sempre presente su ogni palla vagante.

Melli 7: due triple di importanza gigantesca e tanti tanti rimbalzi sotto i tabelloni. Totem.

Napier 6,5: primo tempo di alto livello dove trova costantemente i compagni, poi il crollo. Palle perse brutte scelte e un problema all’occhio.

Ricci SV

Flaccadori 7: altra partita enorme per intensità. Impegno difensivo decisivo nel momento della rimonta Virtus.

Hall 7: grande impatto in difesa su ogni closeout, fatica in attacco ma aspetta la partita per piazzare le giuste giocate.

Caruso NE

Shields 6,5: per lunghi tratti avulso dai gioco e molto pasticcione. Poi le triple di talento. Shavon Shields.

Mirotic 9: si è visto raramente un giocatore dominare così una partita. Fin dall’inizio ben servito e attivo a segnare e subire i falli. E grandissimo impegno difensivo.

Hines 6,5: giocate d’esperienza, da veterano. L’ultima in maglia Olimpia?

Voigtmann 6: grande aiuto a rimbalzo ma quanti disastri nel secondo tempo. Fa rientrare la Virtus.

VIRTUS BOLOGNA

Cordinier 7: subito molto intenso, la difesa di Milano soffre il suo atletismo e lui è bravissimo a sfruttarlo.

Lundberg 6,5: manca le giocate pesanti ma cerca di essere costantemente pericoloso.

Belinelli 4,5: completamente assente dalla partita. Non trova le uscite dai blocchi e non può tenere il campo difensivamente.

Pajola 7: impegno enorme in difesa e in fase di costruzione. Manca offensivamente ma non si può chiedergli di più.

Mascolo SV

Shengelia 5: non la sua partita, nervoso e non trova le sue solite conclusioni.

Hackett 5: inizia bene ma si perde subito in azioni fallose che lo mettono fuori partita.

Mickey 5: anche per lui stesso discorso di Hackett, falli che lo mettono fuori partita troppo facilmente

Polonara 6,5: ci sono le triple che provano a riaprirla ma soffre terribilmente Mirotic.

Zizic SV

Dunston 5,5: difficile chiedergli di più anche se va chiaramente in sofferenza difensiva.

Abass 6: ci sono le giocate importante la grinta e la voglia di non smettere mai di lottare.