Olimpia Milano crolla contro una Pesaro stellare, le pagelle

Altro tonfo per l’Olimpia Milano che cade contro una grandissima Pesaro 90-82
Solito inizio traballante dei milanesi che non trovano il canestro mentre Totè supera costantemente Poythress giocando un primo quarto di assoluto livello.
Lo sistema le cose con le triple ma il gioco offensivo latita, complici troppe esitazioni, mentre in difesa non c’è soluzione contro i tiratori di Pesaro che trovano costantemente la retina.
McCallum costruisce (doppia cifra di assist) e solo Kamagate sembra impattare per l’Olimpia, la quale però nel finale sprofonda negli errori consentendo a Pesaro di allungare per il decisivo vantaggio finale.

OLIMPIA MILANO

Lo 6,5: buona serata al tiro ma in regia c’è tanto da lavorare. E nel finale non riesce a costruire niente.

Poythress 4,5: costantemente fuori posizione in difesa e in attacco non è mai in condizioni di ricevere.

Bortolani 5,5: prende i suoi tiri anche se inizia esitante.

Pangos SV perché solo tre minuti?

Garavaglia NE

Tonut 5,5: si sbatte in difesa (spesso esagerando nel cercare l’anticipo) ma in attacco le percentuali sono troppo basse.

Kamagate 7: il migliore di Milano sia per approccio che per intensità. Sembra già migliorato rispetto a inizio stagione.

Ricci 4: prosegue il periodo negativo di inizio stagione.

Flaccadori 5: non riesce a organizzare il gioco e in difesa subisce troppo facilmente.

Hall 4,5: sta diventando preoccupante perché non segna più neanche sotto tortura. Crisi di fiducia totale.

Caruso 6: buon impatto nei pochi minuti concessi.

Mirotic 7: la classe è inarrivabile come al solito anche forse l’idea di servirlo cosi spesso in post non è efficace.

VL PESARO

McCallum 8: eccellente serata in regia con la doppia cifra negli assist.

Bamforth 7: preciso dall’arco e punisce ogni volta che può.

Bluiett 6,5: le triple incidono e gioca una partita solida.

Visconti 5: non riesce a impattare come vorrebbe e gioca una partita anonima.

Ford 7,5: a rimbalzo è dominante e fa la voce grossa anche in attacco.

Tambone 6,5: di sostanza in regia.

Stazzonelli SV

Mazzola 5,5: fa fatica a trovare le sue conclusioni.

Fainke NE

Totè 7,5: primo quarto stellare poi cala di intensità ma torna in cattedra nel decisivo  finale.

Dario Destri
Dario Destri
Da un decennio abbondante presenza fissa al seguito dell'Olimpia Milano. Tanta Euroleague con due Final Four nel curriculum. Oltreoceano il cuore batte per i Suns, folgorato in gioventù dalle gesta di Steve Nash. Non chiedetemi di Dragan Bender