Olimpia Milano: la situazione “point guard” com’è?

4623
Olimpia
Foto di Savino Paolella

L’Olimpia ha iniziato un nuovo corso che ha avuto ufficialmente lo sparo dello starter dopo la dipartita sia di Devon Hall che di Nicolò Melli, entrambi in direzione Fenerbahce. La panchina di Messina non è mai stata in discussione da parte della società, quindi vista la scorsa stagione, l’unica soluzione era riformare il roster, dare nuova linfa alla squadra e investire nuovi giocatori dei ruoli di leadership del gruppo. Questi saranno sicuramente Shavon Shields e Nikola Mirotic con mansioni e motivi differenti, ma al momento persiste ancora un grande punto di domanda, che è lo stesso di tutte le ultime stagioni.

Considerato automatico che Napier non sarà del gruppo nella prossima stagione, dopo aver “salvato” Messina per ben due volte portando due scudetti e arrivando in corsa, il lodo da risolvere in posizione di point guard è ancora lì, immanente. Ed è un errore che non sarebbe ammissibile commettere un’altra volta per Messina. Sarebbe la terza e nel ruolo più nevralgico del campo. Di Pangos si è già detto e ripetuto tutto, ma se la prima volta poteva essere un errore “accettabile”, la reiterazione è stata il peccato capitale della scorsa estate. Al momento si sono fatti alcuni nomi tra cui Skylar Mays, ma al momento, a quanto abbiamo potuto apprendere, i biancorossi non hanno ancora deciso e stanno ancora valutando i profili che possano essere corretti per il roster che si andrà a creare. Potrebbero esserci nomi noti, ma anche nomi fuori dal coro, come già visto con Armoni Brooks.

Possiamo chiamarlo playmaker, possiamo chiamarlo point guard, handler o creator, il nome non fa differenza sulla sostanza, serve un sostituto di Napier e serve di qualità non solo per quello che può dare per la squadra dal punto di vista puramente realizzativo e di talento, ma anche per quanto possa sfruttare Josh Nebo, un giocatore che diventa devastante quando viene innescato. Per farlo ha bisogno di un Lorenzo Brown style player. Lo troverà l’Olimpia? Anche perchè il profilo del giocatore, più che essere incastrato in un ruolo di 1, 2, combo guard, dovrà avere determinate caratteristiche che devono andare a completarsi con un reparto esterni molto intrigante e di grande versatilità. Servirà più il profilo corretto che un giocatore incastrato in un ruolo.