Olimpia Milano non sa più vincere, passa anche il Monaco: le pagelle

Olimpia Milano che cade ancora e lo fa contro il Monaco di James per 72-66.
I milanesi iniziano bene difensivamente con uno splendido Tonut su James ma senza mai trovare un allungo importante.
Shields pasticcia e Poythress non impatta e il Monaco rientra con le solite giocate di James (nonostante il tecnico).
Si impantana l’attacco biancorosso e il Monaco ritrova verve offensiva, approfittando dei brutti errori di Shields.
Nel finale ritrova le forze Melli che prova a spingere i suoi ma la difesa non tampona in nessun possesso decisivo e il Monaco strappa la vittoria con una giocata stellare di Mike James.

OLIMPIA MILANO

Lo 5,5: partita onesta, di intensità, con qualche buona lettura ma troppo spesso è spaesato.

Poythress 5: in difesa non è mai al posto giusto e non brilla nella gestione dei falli.

Bortolani NE

Tonut 7: prova difensiva su James magistrale. Quando poi attacca deciso è un giocatore diverso.

Melli 5: fisicamente alla frutta, dopo 6 minuti ha le mani sulle ginocchia. Come recuperarlo?

Ricci 5,5: entra spara una tripla che non va e si accomoda in panchina.

Flaccadori 5: fa oggettivamente molta fatica contro gli esterni del Monaco.

Hall 7: miglior serata offensiva da un anno probabilmente. Serve come il pane ritrovare fiducia nel tiro.

Shields 5,5: serata in cui non trova il giusto tempismo offensivo neanche per sbaglio. Troppi palloni fermati e troppe letture tardive. Troppo flebile il risveglio finale

Mirotic 6,5: tira il fiato offensivamente ma a rimbalzo fa sempre la voce grossa.

Hines 5: pochi minuti e, purtroppo, disastrosi.

Voigtmann 5: inizia bene con un crossover incredibile ma poi sparisce. E quelle esitazioni al tiro che sono davvero inspiegabili e dannose.

AS MONACO

Okobo 5: stecca clamorosamente al tiro.

Loyd 5,5: ancora in ripresa fisica e si vede.

Blossomgame 6,5: due triple pesantissime.

Brown 6,5: solido in difesa e punisce con il tiretto un paio di volte.

Diallo 7: tasso fisico importante che si fa valere sotto i tabelloni.

Cornelie 5: pochi anonimi minuti.

Jaiteh 5,5: un gancetto e poco altro.

Motiejunas 5,5: sbaglia tanto da sotto ma la sua presenza porta equilibrio a rimbalzo.

Ouattara NE

Strazel 5: cinque minuti sostanzialmente di nulla.

Hall 6:  non impatta ma fa il “compitino”.

James 8: tecnico e falli nel primo tempo poi esplode con le sue solite giocate incontenibili.

Dario Destri
Dario Destri
Da un decennio abbondante presenza fissa al seguito dell'Olimpia Milano. Tanta Euroleague con due Final Four nel curriculum. Oltreoceano il cuore batte per i Suns, folgorato in gioventù dalle gesta di Steve Nash. Non chiedetemi di Dragan Bender