Olimpia, Punter & Shields: “Abbiamo più esperienza”

217
F.M.B (Basketball-Evolution)

Terzo giorno di presentazioni in casa Olimpia Milano, all’Armani Teatro oggi è toccato a due ritorni in Italia ossia Kevin Punter e Shavon Shields

PRESENTAZIONE DATOME
PRESENTAZIONE HINES & MORETTI

Protocollare introduzione del GM Stravopoulos

Due giocatori che arrivano dopo esperienze importanti, due giocatori atletici, motivati e già protagonisti nel campionato Italiano e che potranno dare un contributo importante nelle due competizioni.

Prima domanda della conferenza stampa è stata la nostra, la stessa per entrambi già visti nel nostro campionato con le uniformi di Virtus Bologna e Aquila Trento:

Che giocatori siete di oggi rispetto a quelli visti nella prima esperienza in Italia?

Punter: Quando ero a Bologna guardavo molte partite di Eurolega: capire il ritmo, studiare il gioco, capire quando tirare/passare, ho fatto un’esperienza di apprendimento giorno dopo giorno per capire dove poter portare il mio gioco.

Shields: Il grande cambiamento più importante che ho fatto è figlio dell’esperienza degli ultimi 2 anni giocando in alto livello in Spagna e in Eurolega.

KEVIN PUNTER

Il continuo progresso dei miglioramenti visti alla Stella Rossa rispetto all’Olympiacos

Si! Ho studiato molto, il più grande cambiamento è stato capire/apprendere il gioco da fuori, questo mi ha permesso mi avere fiducia nel mio gioco.

Sei sempre stato IL primo realizzatore nelle squadre dove hai giocato, al’Olimpia ti si chiederà più difesa, è questa la sfida più importante?

Non del tutto, andrò avanti ad essere me stesso, mi è stato chiesto di essere me stesso, non sono venuto qui pensando di essere “The Guy”, farò tutto quello che mi verrà chiesto.

Stagione senza tifosi, quanto influenzerà il tuo gioco?

Sarà diverso ma la concentrazione sarà la stessa, quindi non influenzerà il mio gioco.

Rivalità con Virtus Bologna

Voglio batterli in entrambe le  partite visto che Milano ha perso l’unica partita nella passata stagione.

SHAVON SHIELDS

Esperienza della bolla ACB

Ci sono state cose diverse, tra controlli sanitari e mascherina ma dopo poco tempo diventò tutto normale. Prime due partite strane senza tifosi ma poi ci siamo abituati.

Hai giocato in una grande organizzazione come il Baskonia dove però hai avuto 3 allenatori diversi in questi anni, questo quanto ti ha condizionato visto che a Milano Ettore Messina è coach e P.O.B.O?

Tre coach diversi, ognuno con uno stile diverso, come giocatore devi dare il massimo in ogni allenamento e partita adattandoti alle sue richieste ogni giorno.

Ci si è interrogati molto sul tuo ruolo, a Trento sei arrivato come PF ma poi sei esploso come guardia sotto coach Buscaglia

Ringrazio coach Buscaglia per il suo contributo, nel mio anno da rookie a Francoforte giocavo ala grande poi a Trento mi hanno spostato guardia, è stato un grande cambiamento ma ho lavorato ogni giorno in palestra.

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA Admin e fondatore di Basketball-Evolution, collaboratore per Backdoor Podcast per le vicende della Pallacanestro Varese e non solo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

*

code