Olimpia e Virtus: chi ha il calendario più difficile in Eurolega?

1141
Olimpia Virtus

SOS. Per una volta – forse – non è una richiesta di aiuto, urlata a gran voce per un salvataggio di emergenza. Se si parla di pallacanestro, NBA o Eurolega o LBA che sia, con SOS si intende “Strenght of Schedule“, letteralmente durezza del calendario. Questa statistica, che assume senso compiuto nella seconda metà inoltrata di una qualsiasi competizione, misura in base al record degli avversari rimanenti la difficoltà del rush finale della fase del torneo. In base quindi ai risultati ottenuti fin qui, chi tra Olimpia Milano e Virtus Bologna ha il percorso più tortuoso da qui al Round 34 di Eurolega? E, in rapporto a tutte le altre 16 squadre, dove si collocano quella di Messina e quella di Banchi?

Il calcolo è valido per qualsiasi database, e la differenza tra tutte le proposte che stanno diffondendosi ora è basata solo sulla grafica di presentazione. Non contando il proprio record personale per il calcolo della SOS – non conta che la Virtus abbia un record di 17-10 per la SOS della Virtus, conterà solamente per la SOS delle avversarie delle Vu Nere di qui in avanti – la relativa classifica è assai diversa da quella effettiva. Nel calcolo sono inclusi, con un peso specifico diverso: il record attuale, il record in casa o in trasferta a seconda di dove l’avversario l’affronterà, lo scontro diretto del girone d’andata. Non è incluso, al contrario, l’andamento delle ultime x partite.

EUROLEAGUE SOS

  • Monaco: 0.3654
  • Maccabi Tel Aviv: 0.3723
  • Efes: 0.3834
  • Panathinaikos: 0.385
  • Partizan: 0.4112
  • Real Madrid: 0.4189
  • Virtus Bologna: 0.4200
  • Barcellona: 0.4202
  • Baskonia: 0.4331
  • Valencia: 0.4351
  • Fenerbahce: 0.4486
  • Bayern: 0.4532
  • Olympiacos: 0.4657
  • ASVEL: 0.4663
  • Zalgiris: 0.4694
  • ALBA: 0.4810
  • Olimpia Milano: 0.4874
  • Stella Rossa: 0.4947

In conclusione: l’Olimpia ha il 2° “peggior” calendario di Eurolega tra tutte le 18 partecipanti; la Virtus ha il 7° calendario più “facile”.