Olimpia – Virtus: il fallo in attacco di Shengelia | Spiega Corrias

242
Olimpia

In quella che è stata una serie di finali scudetto sicuramente agitata dal punto di vista delle polemiche arbitrali, la decisiva gara-4 tra Olimpia Milano Virtus Bologna ha continuato il trend dei match precedenti. Nonostante un risultato abbastanza netto in favore dei biancorossi, infatti, non sono mancate le lamentele da un lato e dall’altro per la conduzione arbitrale. Analizziamo allora alcuni degli episodi più dubbi con l’aiuto dell’ex arbitro di Serie A Silvio Corrias, presente nella nostra chat premium e che vi invitiamo a seguire anche sul suo portale WeRef.

 

NICOLÒ MELLI (0-3, 8.54 1Q): Hackett penetra e prova un gancio, Melli tira fuori il pallone da sopra il ferro. Gli arbitri fischiano interferenza del capitano azzurro, che li guarda stupito. 

View post on imgur.com

Il tiro di Hackett rimbalza sulla parte piatta dell’anello e si impenna. Melli arriva e spazza via la palla, ben al di sopra dell’anello. Nel fare questo poi tocca l’anello e muove leggermente la retina, ma questo non influenza minimamente la possibilità della palla di entrare nel canestro. Infatti la palla è già volata via. Vi ricordo che ne in FIBA ne in EL esiste la regola del “cilindro” sull’anello che è solo regola NBA.

 

TORNIKE SHENGELIA (41-32, 2.17 2Q): Il georgiano riceve in post contro Mirotic, dopo un cambio di direzione si svita su stesso ma stende l’avversario. Gli arbitri lo puniscono con un fallo in attacco, chiamata eccessiva?

View post on imgur.com

Shengelia in palleggio marcato da Mirotic, Toko fa un cambio di mano in mezzo alle gambe e gira sul perno sinistro! Mirotic ha una buona posizione ed arretra, con le gambe molto larghe,  dando spazio a Toko. Il contatto è tra il gluteo di Shengelia ed il bacino di Mirotic. Lanzarini – guida – fischia fallo in attacco, la posizione della telecamera anche nel replay non ci aiuta! La sensazione è che con quell’impatto la caduta di Mirotic sia parecchio accentuata: vista così direi “no call”!