Shaq McKissic (Olympiacos): “Mi battezzino pure da 3, sono pronto”

50

Prima dell’allenamento della vigilia della semifinale col Monaco siamo riusciti a strappare qualche dichiarazione esclusiva dai giocatori dell’Olympiacos. Ecco cosa ci hanno detto i biancorossi prima di calcare il parquet della Žalgirio Arena.

Shaq McKissic

L’inizio della tua carriera europea è stata proprio in Italia, a Pesaro. Cosa ricordi di quell’anno e cosa ti porti a questa Final 4 di quell’anno?

Era il mio primo anno in Europa. Mio figlio è nato lì, quindi non posso dimenticare quello che mi ha dato quella città. Mi manca tantissimo il cibo di Pesaro, c’era un ristorante cinese all’angolo di fronte casa mia che era spettacolare! Quella stagione mi è servita come grandissimo insegnamento per il prosieguo del percorso in Europa. Pazzesco pensare da dove sono partito e dove sono arrivato ora, su questo palcoscenico. Uno su mille ce la fa, dicono…

Pronto allo scontro con la loro panchina?

Beh, scontriamoci! Loro sono una grande squadra, noi siamo una grande squadra. Non è più questione di singoli o dei nomi individuali, si tratta solo di scendere in campo e giocare duro.

Pensi che verrai battezzato dalla linea da 3, come praticamente tutte le squadre di EuroLeague hanno fatto negli ultimi anni? Nel caso, come ti sei preparato?

Ah, non vedo l’ora. Ho tirato così tante triple nella mia vita che non avrò paura di farlo ora. Se stiamo a vedere le statistiche della serie col Fener e dell’ultima parte di stagione sono oltre il 50% dall’arco: se sarà una buona giornata ne metterò tante, altrimenti non segnerò. Però alla fine ce la faremo.