Partizan e Crvena Zvezda: conti in netto miglioramento

87
Obradovic
Credits Twitter ABA Liga

Nonostante una stagione di EuroLeague non proprio vicina alle attese e ai desideri estivi, Partizan Belgrado Crvena Zvezda hanno reso pubblici i bilanci annuali per il 2023, dove entrambe hanno registrato incrementi di ricavi che hanno permesso loro di chiudere in utile. Andiamo a fare un excursus dentro i conti delle due squadre.

Partizan: 20 milioni di ricavi

Il Partizan ha reso noto il bilancio di esercizio relativo alla stagione 2023, coi conti che segnano un significativo aumento dei ricavi. Secondo quanto riporta Mozzart Sport, infatti, il club ha fatto registrare entrare per oltre 20 milioni di euro, di cui circa 2.8 derivanti da donazioni statali, e circa 17.8 milioni da sponsorizzazioni e vendite dei biglietti.

Rispetto al bilancio della stagione 2022, i ricavi sono più che raddoppiati, mentre le spese sostenute dal club nel corso della stagione corrente ammontano a 18 milioni di euro, il che ha permesso di chiudere il bilancio con un utile di quasi 900 mila euro.

Decisamente meglio rispetto a quanto fatto registrare nel bilancio 2022, chiuso dal Partizan con una perdita pari a circa 2.9 milioni di euro.

Crvena Zvezda: quasi 19 milioni di entrate

Stando a BasketNews, il bilancio reso noto da Crvena Zvezda, il club campione di Serbia, il club ha generato entrate per 18.95 milioni di euro. Entrate che provengono dalla vendita di abbonamenti, biglietti, sponsorizzazioni oltre che da compensi arrivati dalla città di Belgrado, dal Ministero dello Sport e da imprese statali.

Nello stesso periodo di tempo, il club ha comunicato spese per 17.82 milioni di euro, il che ha comportato un’utile pari a 1.12 milioni di euro nella stagione appena conclusa.

Proiettandoci verso la prossima stagione, la dirigenza ha reso noto che il budget che sarà destinato a coprire gli stipendi della squadra dovrebbe ammontare a 12.5 milioni di euro.

Stefano Sanaldi
Quello con la palla a spicchi è stato amore a prima vista. Una volta appese le scarpe al chiodo, ho deciso di allenare le nuove generazioni per rimanere in questo fantastico mondo. E poter scrivere di pallacanestro è un piacere e un onore.