Post Olimpia Milano – Germani Brescia: Pippo Night

93
Olimpia Milano

L’Olimpia Milano rimane imbattuta in LBA vincendo l’undicesima partita consecutiva contro una Germani Brescia che si è battuta per 40 minuti. Nel finale la maggiore lunghezza e fisicità di Milano viene fuori, tant’è che a girare definitivamente il match sono le giocate di Alviti e Ricci (MVP). A Brescia non è basta la classica partita dell’ex di Della Valle, autore di 17 pt.

Seconde linee

La notizia migliore di Milano è l’impatto delle seconde linee. Ricci, Alviti, Tarcewzski e Bentil, in momenti diversi, hanno dato contributi importanti per la vittoria. Anche in una partita tutt’altro che semplice, soprattutto a livello di realizzazioni. In particolare è la serata di Ricci, autore della scarica che manda i titoli di coda. Chiude con 14 pt e 19 di valutazione in una delle sue migliori serata in maglia Olimpia.

Hall

Se a inizio anno lo avevamo spesso elogiato per il suo ottimo contributo, ora dobbiamo sottolineare il suo momento di flessione. È da un po di partite che da l’idea di aver perso quello smalto che lo ha contraddistinto fino a metà novembre. Lo si nota soprattutto nella sua efficacia ridotta sui cambi difensivi. Tende più a subirli che ad aggredirli. Niente di allarmante, la stagione lunga espone a certe cose, da tenere in considerazione sicuramente.

Brescia

Magro si presenta al Forum con il chiaro intento di addormentare il ritmo della partita e cercare di reggere l’urto a rimbalzo. Alterna difesa a zona a scelte conservative per tenere sempre l’area piena. La serata negativa dall’arco di Milano aiuta e Brescia ha il merito di rimanere in scia fino alla scarica finale. Deve recriminare molto sulle seconde possibilità concesse agli avversari.

Moore-Della Valle-Mitrou Long

La Germani Brescia quest’anno ha fatto una scelta diversa rispetto alle sue ultime versioni, affidandosi a tre scorer e non al play accentratore (Vitali sappiamo le vicissitudini). Il terzetto di esterni è molto interessante e nelle serate giuste può essere molto indigesto per le difese. Moore e Mitrou Long decisamente più in grado di attaccare il ferro dall’1 vs 1, Della Valle decisamente più perimetrale e con quella capacità di generarsi sempre un tripla aperta anche nelle situazioni più complesse.

Lunghi

Il vero problema di Brescia nella partita di questa sera è stato il reparto lunghi. Non è mai riuscito a dare quel contributo che avrebbe permesso a Brescia di giocarsela fino alla fine. Lo staff gli facilita il compito dandogli la possibilità di stare sempre nei pressi del canestro, la lotta a rimbalzo però gli ha sempre visti in difficoltà. In parte demeriti loro, in parte dovuto ad alcune scelte che Magro è costretto a fare per proteggere Della Valle. Spesso lunghi fuori posizione per aiutare sulle penetrazioni, è mancata l’ultima rotazione per togliere i rimbalzi all’Olimpia.