Proli: “Progetto a medio termine tra presente, Goudelock e Della Valle”

L’inizio della conferenza che celebra lo scudetto è Livio Proli a parlare ed analizzare la stagione:

La parola d’ordine è la continuità. Abbiamo cercato sin da subito con il coach di guardare al medio-lungo termine avendo un budget importante in Italia, ma molto meno in Eurolega. Solo il duro lavoro potrà farci eccellere oltre a un campionato nazionale. Abbiamo lavorato per decongestionare la pressione che in questa città c’è per definizione ed è un piacere oltre ma qualcosa da dover gestire.

C’è poi un’analisi completa sulla stagione parlando dei momenti difficili e il voto finale:

Mi sento di dare 10 alla società che secondo me comprende giocatori, staff, dirigenti e tutto l’ambiente, mentre al coach darei anche la lode. Abbiamo vissuto il momento più difficile e di frustrazione alla fine del girone d’andata in Eurolega quando eravamo fuori dai giochi immeritatamente. Qualche incastro di roster non c’è stato e abbiamo dovuto cambiare qualche tassello in corsa, tra cui Kuzminskas che però non abbiamo preso per vincere ora, ma avendo la possibilità di un contratto pluriennale. Non credo che la coppa Italia sia stata la linea di demarcazione, perché non è stato uno scivolone così grave per come lo abbiamo vissuto ogni giorno dall’interno. Abbiamo sempre avuto, anche nei momenti difficili, il riscontro rassicurante dalla squadra.

Il tema va poi fisiologicamente sul tema mercato e ad aprire è Andrew Goudelock:

Ci siamo già confrontati con Andrew già a gennaio e febbraio. Ha il contratto in scadenza e tanto mercato, soprattutto dopo le sue ultime prove. È un giocatore molto forte ma con caratteristiche particolari e dovremo parlare con lui per incastrarci in un assetto per migliorare il nostro immediato fututo. Lui ha dimostrato di avere voglia di stare a Milano e di completarsi come uomo. Ci eravamo detti che avremmo aspettato la fine dei playoffs per eventualmente trovare un accordo tecnico ed economico.

Il secondo tema è l’accordo raggiunto con Amedeo Della Valle:

Il fidanzamento è stato quasi facile perché è un giocatore da primo quintetto in Eurocup ma anche un giocatore che vuole performare anche in un contesto come Milano che è difficile e stimolante al contempo. Ci siamo confrontati con lui e Simone che conosce il ragazzo e ha avuto il suo peso nella scelta.
Il nostro obiettivo è costruire un roster lungo e soprattutto con qualità umane per la prossima stagione. Ora ci godiamo il trofeo e festeggiamo perché non sarebbe giusto parlare dei singoli e del mercato. Da settimana prossima ci metteremo al tavolo e parleremo di futuro singolarmente con tutti i giocatori in scadenza.

C’è anche il rapporto tra stampa e squadra che in alcuni casi ha creato difficoltà:

In alcuni casi ho letto cose che mi hanno offeso, come quando ho trovato parerei in cui abbiamo calato el braghe a Firenze senza che la società intervenisse. I panni sporchi li abbiamo sempre lavati in famiglia, come succederebbe in una redazione giornalistica. Il rapporto tra media e società non avrà mai una linea comune e questo è assolutamente il sale e pepe dello sport, ma servono appunti e valutazioni precisi perché se leggo dai giornali che perdiamo la bussola e poi due volte Bertomeu mi dice che siamo molto più solidi e tutti devono dare il massimo per batterci, qualcosa sicuramente non va.

La conferenza si chiude con una notazione sul budget e l’aspetto economico di Olimpia Milano:

Olimpia Milano ha 200 sponsor e avrà un budget esattamente uguale a quello di questa stagione e non viene cambiato in base a una vittoria o a una sconfitta, oppure su un obiettivo raggiunto o meno. Non possiamo pensare di rincorrere un sogno alzando l’investimento senza un ritorno adeguato. L’Olimpia non è un giochino, la volontà di Armani era dare una mano alla società e alla città di Milano, facendolo diventare poi un progetto di business che deve avere un ritorno economico. Poi bisogna valutare le cifre lorde, nette, le disparità di fiscalità in Europa e tantissimi altri aspetti.
Il costo netto dei nostri giocatori a roster è otto milioni, ma è solo una parte di tutte le spese tra trasferte, infrastrutture, affitto del Forum ecc.