Mondiali 2023: Italia, è una falsa partenza in Russia. Le pagelle

410
Amedeo Tessitori, uno dei protagonisti della gara in Russia (Twitter Italbasket)

Inizia male l’avventura dell’Italia nelle qualificazioni ai Mondiali 2023. La squadra di Meo Sacchetti subisce una sconfitta, anche abbastanza pesante (92-78), nell’esordio sul campo della Russia. Gli azzurri vanno in grande difficoltà difensiva e si aggrappano quasi solo al talento e all’esperienza della coppia Tonut-Tessitori dall’altra parte del campo. Ottenendo solo degli sprazzi isolati dal resto del roster.

Dopo un primo tempo equilibrato, pareggiato con una tripla nel finale dal lungo della Virtus, la formazione di casa piazza un 10-0 per aprire il secondo tempo, con cui viene spezzata la partita. Gli azzurri, con la precisione dalla lunetta, riescono a restare agganciati, tornando però al massimo a -5, per poi crollare nel finale, dove arrivano tante palle perse. Tra i russi da segnalare le gare di Astapkovich e Toropov. Lunedì con l’Olanda (ore 20.30 al Forum di Assago) sarà subito fondamentale riscattarsi.

Russia-Italia | Le pagelle

Candi 6 – Gioca con faccia tosta. Qualche forzatura, ma segna canestri importanti.

Tonut 6.5 – Prova a caricarsi la squadra sulle spalle in avvio, il migliore del primo tempo. Meno efficace nella ripresa.

Flaccadori 5.5 – Buon impatto in regia, ma non fa mai canestro.

Tessitori 7 – Ottima prova da capitano, tra canestri, rimbalzi e lotta sotto canestro. Pur faticando, anche lui, nel quarto periodo.

Spagnolo 5.5 – Paga un po’ l’inesperienza e forse anche l’emozione, prova a difendere forte.

Gaspardo 5 – Non riesce ad incidere sul match, va in difficoltà in difesa.

Bortolani ne

Diouf 5 – Non è abituato a giocare a questi livelli e, pur mettendo grinta in campo, fa fatica.

Alviti 5.5 – Una tripla per iniziare, poi anche lui non trova continuità.

Akele 6 – Il suo lo fa, con un buon lavoro a rimbalzo ed una presenza vicino a canestro. Seppur in attacco faccia un po’ di fatica.

Lever sv – Debutto assoluto in azzurro, poco più di cinque minuti.

Pajola 5 – Giornata difficile per il playmaker azzurro, subendo in più di un’occasione difensivamente, come non gli capita spesso.