Scouting, Euroleague: Shavon Shields è l’uomo in più dell’Olimpia Milano

125
Shields

Mentre l’ansia, l’attesa e l’entusiasmo per le Final Four di Eurolega ha raggiunto picchi altissimi a poche ore dalla prima palla a due, proviamo ad alimentare questo hype con un approfondimento sulla nostra italiana impegnata a Colonia. Da buona squadra di Ettore Messina, l’Olimpia Milano si è distinta in questa stagione tanto più per la qualità della propria coralità che per il valore individuale dei singoli. Tuttavia, volendo andare a pescare il migliore per rendimento, definendolo come l’uomo in più del roster meneghino, non si può andare troppo lontani dal nome di Shavon Shields. La vera sorpresa dell’annata milanese e dell’intera Eurolega, ma forse neanche tanto sorprendente, quanto invece probante della qualità di un percorso iniziato a Trento e maturato egregiamente a Vitoria. Il coronamento alla continuità, costanza e incidenza di rendimento, è arrivato con l’inserimento nell’All-Euroleague Second Team, che lo certifica come una delle migliori ali piccole in circolazione nel vecchio continente. Shields si è affermato per efficienza, importanza, dinamismo e impatto sulle rotazioni biancorosse, la sua maturazione ci ha consegnato un giocatore bellissimo da vedere e interessantissimo da analizzare. Proviamo a farlo.

SS, abbreviazione suggerita dall’uguaglianza delle sue iniziali, ha evidentemente disputato la miglior stagione in carriera e a livello statistico ciò è piuttosto evidente. In Eurolega, contando anche le cinque gare della serie contro il Bayern, ha viaggiato a quasi 14 punti di media con uno stint da approssimativamente 56/43/84 (clamoroso), le sue percentuali realizzative terrificanti sono certificate dalla sua True Shooting che raggiunge il 67%, su quasi 10 tentativi dal campo a partita. La sua essenzialità è andata però ben oltre i numeri, e va ricercata in partite cruciali come Gara 1 dei quarti di LBA contro Venezia o l’ultimo atto della serie vinta sul Bayern. Quanti giocatori nella storia dell’Eurolega avete visto decidere una Gara 5 che regala l’accesso alle Final Four con 34 punti (9/13 dal campo, 5/7 da tre e 11/12 ai liberi) e una prestazione all-around pressoché perfetta?