Scouting: un quintetto di rookie per le squadre di fascia media LBA

167
SALT LAKE CITY, UT - MARCH 16: Mike Daum #24 of the South Dakota State Jackrabbits
Secondo capitolo della saga sui rookie che potrebbero approdare nel nostro campionato. Siamo nel periodo caldo del mercato e la caccia agli atleti provenienti dal sommerso del college basket è aperta. Stavolta abbiamo analizzato un quintetto di giocatori adatti ad una fascia media, alle squadre costruite per cercare di entrare nei playoff della nostra LBA.

PG Matt Morgan (Cornell)

Medie ’18/’19: 22PT 4.5RB 3.0AS
Play realizzatore con buon ball handling e una gran visione di gioco, è un tiratore affidabile che a Cornell ha tenuto medie irreali, che vanno contestualizzate perché la Ivy League non è una conference di primo livello, ma bisogna comunque buttarla dentro e lui sa farlo molto bene. Temibile anche per le sue accelerazioni, è sufficientemente rapido per tenere i suoi pari ruolo in difesa

SG Phil Booth (Villanova)

Medie ’18/’19: 18.6PT 3.9RB 3.8AS
Combo guard molto elegante e sempre in controllo, gran QI cestistico, presente anche in difesa ma è in attacco che dà il meglio grazie ad un bel tiro dalla lunga distanza, ai suoi passaggi laser e pur non avendo un primo passo particolarmente rapido con il suo ritmo e i suoi movimenti riesce sempre ad arrivare al ferro con facilità.

SF Jeremy Harris (Buffalo)

Medie ’18/’19: 14.0PT 6.2RB 3.0AS
Soprannominato “Mr.March” perché si esalta nella postseason e nelle gare da “win or go home”, è un giocatore di talento, rapido, che dà il meglio di se in transizione e in uno-contro-uno. È anche un ottimo tiratore e può difendere praticamente contro qualsiasi avversario grazie alla sua mobilità e ad una notevole wingspan.

PF Mike Daum (South Dakota State)

Medie ’18/’19: 25.3PT 11.7RB 1.8AS 33.6PER
“The Dauminator”: potrebbe bastare il soprannome per descrivere il dominio del lungo che è stato spesso osservato dai vari scout NBA. Tiratore affidabile (oltre il 40% dall’arco in carriera ) è un ottimo rimbalzista, non un grandissimo atleta ed è forse questo il motivo principale che lo rende un prospetto non ancora pronto per il salto NBA ma perfetto per l’Europa dove potrebbe sfruttare al meglio il suo fisico e le sue abilità in situazioni di pick and pop

C Ethan Happ (Wisconsin)

Medie ’18/’19: 17.3PT 10.1RB 4.5AS
Lungo atipico e molto tecnico, dalle sue mani passavano quasi tutte le azioni offensive dei Badgers, ha un ball handling notevole per il ruolo, grandi abilità di passatore e ottimi movimenti in post. Decisivo anche in difesa con più di una stoppata e una rubata per ogni allacciata di scarpe. Difetta di atletismo ed è un pò limitato al tiro, soprattutto ai liberi, ma eccelle in tutto il resto.
Statistiche prese da Sports Reference