Scouting, Reggio Emilia: Ibrahima Cham è un diamante grezzo

549
Cham
Fonte Instagram Reggiana

Questa inedita Eurosport Supercoppa 2020, grazie alla sua formula estesa e al momento storico in cui cade, ci ha concesso la possibilità di osservare dei roster votati ad una linea un po’ più verde. Ciò, ha permesso a talenti dei settori giovanili di gran parte delle formazioni di LBA di mettersi in mostra, lasciando di stucco chi li riteneva dei semplici sconosciuti. Chi, invece, aveva dato uno sguardo attento all’ultima Next Gen Cup, che abbiamo seguito da vicino tra Pesaro, nella fase finale, e Bologna, prima, non è affatto rimasto sorpreso da certi exploit, frutto di match con rotazioni estremamente allargate. È il caso di Ibrahima Cham, le cui prime apparizioni prestagionali con la maglia della Reggiana hanno fatto saltare dalla sedia diversi addetti ai lavori. In realtà, il giovane talento nativo del Gambia, era stato una star della competizione riservata ai vivai del nostro campionato, il cui epilogo si è tenuto in concomitanza con le F8 della Vitrifrigo Arena, dimostrando uno strapotere fisico rispetto agli avversari e vincendo il premio di miglior rimbalzista del torneo. Riconoscimento che ha condiviso con Diouf, sua spalla, con cui ha formato un’interessante coppia di torri nel team U18 di Reggio Emilia. Anch’egli ha fatto capolino con successo in questa Supercoppa, ma lo stupore è stato affievolito dal fatto che il ragazzo già bazzicava nelle rotazioni reggiane nello scorso campionato. Ad ogni modo, Cham ha così manifestato la sua superiorità sotto le plance tra i suoi parigrado, da convincere la dirigenza della UNAHOTELS a spendere il settimo e ultimo visto a disposizione per farlo esordire in queste gare estive, lasciando pensare che possa trovare spazio anche più in là. Ibra, per gli amici, ha infatti soltanto due anni di formazione italiana, essendo arrivando nel nostro paese soltanto recentemente, questo gli impedisce di essere schierato da nazionale in Serie A, dove sono necessari quattro anni, mentre potrebbe già giocare da italiano in A2.

In Supercoppa ha esordito con 29 minuti di qualità nel successo di Reggio sulla F, contribuendo con 6 punti e le specialità della casa: 10 rimbalzi e 2 stoppate. Dopo aver catturato molte attenzioni, ha inevitabilmente sofferto al cospetto della Virtus, segnando un solo punto (frutto di 1/4 ai liberi), prendendo 3 rimbalzi, ma spendendo 4 falli e perdendo 2 palloni in 20 minuti di impiego. Si è, invece, riconfermato nella sconfitta dei suoi contro Cremona, 5 punti a referto assieme a 5 rimbalzi e 2 stoppate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

*

code