Scouting: Sha’markus Kennedy, pregi e difetti dei nuovi volti della LBA

862
Sha'markus Kennedy
Profilo Twitter Pallacanestro Cantù

Lorenzo Neri ha analizzato per noi alcuni dei nuovi volti che, nella prossima stagione, prenderanno parte al campionato italiano come Sha’markus Kennedy che ha firmato il suo primo contratto da professionista con la Pallacanestro Cantù.

Il centro americano sarà il 5 titolare della squadra di coach Pancotto nonostante sia un rookie e dovrà dimostrare di essere una sicurezza per la squadra.

Nella scorsa stagione giocava in una università non molto grande ovvero McNeese State che quasi mai partecipa alla March Madness, ma nonostante ciò Kennedy si è rivelato un lungo con caratteriste tecniche molto interessanti, infatti, nonostante non sia molto alto poiché non raggiunge neppure i 2.05 metri compensa questa mancanza con un’ampia apertura delle braccia che lo aiuta in quella che è la parte più importante del suo gioco, dato che lui ama giocare sopra il ferro e per questo può assumere il ruolo di rollante ed è sempre pronto in attesa di scarichi o passaggi.

Sha'markus Kennedy
Profilo Twitter Pallacanestro Cantù

Sotto l’aspetto difensivo Sha’markus Kennedy è molto abile proprio a difendere il ferro e le oltre 2.5 stoppate di media della scorsa stagione ne sono la prova.

Il nativo di Tuscaloosa è, però, un rookie che finora ha vissuto in un ambiente completamente differente e oltre alle questioni legate alla vita di tutti giorni e a quelle ambientali si parla di un atleta che entrerà in una pallacanestro molto più tattica dove dovrà dimostrate di essere adeguato anche a livello tecnico e non solo atletico.

Kennedy non è molto piazzato dal punto di vista fisico, ma ha buonissime mani anche dal medio raggio ed è capace di mettere la palla a terra per provare a giocare uno contro uno, poiché potrebbe non avere la costituzione fisica necessaria per giocare spalle a canestro risultando più adeguato, quindi, ad attaccare il ferro fronte a canestro anche con la mano sinistra che, nonostante la giovane età, è capace a utilizzare.

Qui potete ascoltare la puntata completa: