Supercoppa: Pajola e Jaiteh dominano e la Virtus vince, le pagelle

317

La Virtus Bologna vince la Supercoppa 2021 con Pajola eJaiteh assoluti protagonisti di una sfida molto fisica vinta 90-84.
Bologna inizia meglio con la palla sotto a Jaiteh mentre Milano pasticcia tanto in gestione cercando troppo l’isolamento. Nel terzo quarto c’è la fuga bianconera con un grandissimo Pajola e solo il Chacho tiene aperte possibilità biancorosse.
Shavon Shields ha i colpi per riaprire ma si stampano sul ferro e la Virtus festeggia il primo trofeo stagionale. Le pagelle

OLIMPIA MILANO

Malcolm Delaney 4: pasticcia non fa girare la squadra. Spesso chiama dei giochi che non riescono e in difesa non c’è. Male.

Shavon Shields 6: sufficienza raggiunta con i punti nel 4/4 ma il primo tempo è davvero agghiacciante. Una quantità di forzature e isolamenti non da lui.

Luigi Datome 4: inizia in quintetto ma non sembra in grado di tenere il campo conto la V.

Nicolò Melli 6: lotta difensivamente va anche in doppia doppia ma non riesce a incidere nel momento del bisogno.

Kyle Hines 5,5: raffica difensiva che tiene in piedi Milano ma il suo primo tempo è stato inquietante.

Sergio Rodriguez 6,5: brutto primo tempo poi si riscatta a suon di triple e assist. Hero Chacho non fa vincere però.

Devon Hall 7 il migliore di Milano. Difesa punti e letture offensive. Giocatore da seguire.

Riccardo Moraschini 5: non giudicabile, non è in condizione.

Davide Alviti SV solo due minuti in campo.

Dinos Mitoglou 5,5: ha tutto per spaccare ma alle volte si perde vicino al ferro. Diciamo che non viene molto tutelato essendo enorme.

Paul Biligha SV

Gianpaolo Ricci 5: ex mai in partita e si becca anche i fischi. Non trova i suoi tiri.

 

VIRTUS BOLOGNA

Marco Belinelli 6: trova le sue giocate classiche.

Milos Teodosic 7: chirurgico a mettere in ritmo i compagni e piazza i colpi pesanti dall’arco. Silenzioso.

Kevin Hervey 6: altra partita solida fisicamente anche se meno incisiva a livello statistico. Si conferma un top player.

Alessandro Pajola 8: ha letteralmente dominato il gioco con il 100% dal campo e 7 assist. Ormai dominante.

Michele Ruzzier SV

Amar Alibegovic 7: quando vede Milano perde la testa e segna qualsiasi cosa. Ormai non è più una coincidenza. Fondamentale.

Awudu Abass 6: mette a segno un poster surreale e poi lotta come suo solito. Fa le cose giuste al momento giusto.

Amedeo Tessitori 6: 11 minuti in campo senza incidere ma sufficienza meritata anche per lui.

Mouhammadou Jaithe 8: incontenibile vicino al ferro, micidiale col suo gancio e poi segna anche dalla media. Fermarlo non sembrava possibile.

Ty-Shon Alexander 6: si sblocca un po’ in attacco ma è ancora in fase di ambientamento e si vede.

Kyle Weems 6,5: dieci punti fatti solidamente, sempre importante nei momenti chiave. Sottovalutato.

Dario Destri
Da un decennio abbondante presenza fissa al seguito dell'Olimpia Milano. Tanta Euroleague con due Final Four nel curriculum. Oltreoceano il cuore batte per i Suns, folgorato in gioventù dalle gesta di Steve Nash. Non chiedetemi di Dragan Bender