Team USA vince senza dilagare, la Repubblica Ceca si fa rispettare

0
team USA
(sito FIBA)

Alle 14:30 (ore italiane) ha avuto luogo l’esordio nella rassegna mondiale del chiacchieratissimo team USA, che ha affrontato la Repubblica Ceca nel secondo match giornaliero del gruppo E, composto anche da Turchia e Giappone. Prima vittoria statunitense, che si impone per 88-67.
Gli Stati Uniti iniziano con Walker, Mitchell, Tatum, Barnes e Turner, tra le file della Repubblica Ceca i nomi più rilevanti sono Satoransky (NBA), Patrik Auda, lo scorso anno a Pistoia e Ondrej Balvin, in Eurolega a Gran Canaria l’ultima stagione.

Team USA che inizia zoppicando e nel primo quarto litiga abbastanza con il ferro. Per i cechi il mattatore è assolutamente Satoransky, il neo giocatore dei Bulls tiene a galla i suoi nella prima frazione, finita 14-17. Nel secondo quarto, gli uomini di Pop accelerano, Tatum si fa perdonare un paio di errori difensivi eccellendo nell’altra metà campo, gli avversari sentono enormemente la mancanza del loro leader (Sato) e subiscono un parziale mentre lui è in panchina. Sotto i colpi di Walker e Tatum, gli USA riescono a prendere un po’ di vantaggio (finalmente) e la prima metà si conclude 29-43. Il terzo quarto si apre con la Rep. Ceca che non vuole mollare e gli americani che tentano la fuga. Il solito Satoransky, ma anche Balvin e Bohacik si rendono protagonisti, però gli US trovano continuità in attacco e arrivano anche sul +20 dopo un canestro di Middleton, mentre il terzo quarto si chiude sul 48-66. I biancoblu iniziano l’ultima frazione con 4 punti consecutivi, ribadendo la loro intenzione di volerci provare fino alla fine, sebbene vengano ricacciati indietro da Walker e compagni. Alla fine, coach Ginzburg decide di mollare la presa, facendo sedere in panchina i suoi migliori giocatori per preservarli, circa a 5 minuti dal termine. Ultimi minuti animati solamente da un coast to coast di Donovan Mitchell, chiuso con una schiacciata delle sue. Punteggio finale 88-67, ovviamente in favore dei campioni in carica.

Momento chiave: la mentalità di coach Gregg Popovich

“Chi non difende si siede in panchina”, è questo il credo che ha permesso al team USA, seppur non straripante offensivamente, di restare solidi nel corso della gara. Mentalità evidenziata in diversi momenti della partita, toccata con mano da Jayson Tatum, quando, nonostante un paio di suoi attacchi convincenti, si vede richiamato in panchina in seguito a qualche difesa piuttosto pigra. Altro esempio è quello di Myles Turner, battuto in post da Balvin e motivato da coach Popovich subito dopo, il risultato è una palla recuperata dello stesso Turner proprio su Balvin nel possesso successivo.

Kemba Walker riceve istruzioni da coach Pop (sito FIBA).

MVP: Kemba Walker

Top scorer del match è Donovan Mitchell con 16 punti, modestissima partita anche di Barnes, ma la scelta del miglior giocatore della partita ricade su Kemba Walker. Oltre a 13 punti e 4 assist, Kemba ci ha messo tantissima applicazione difensiva e un totale controllo sulla partita, doti che gli torneranno utilissime quest’anno ai Celtics.

WVP: Patrik Auda

Deludente prestazione di quella che dovrebbe essere la seconda/terza punta della Repubblica Ceca. Auda ha sofferto, giustificatamente, la fisicità statunitense e non è riuscito quasi mai a trovare feeling con il canestro. Solo 4 punti per l’ex Pistoia e Avellino, frutto di 2/11 dal campo e 0/3 ai liberi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here