Troppa Virtus per Scafati, le pagelle

La Virtus trova la quinta vittoria consecutiva in LBA ospitando una Scafati in piena corsa per i playoff, che per la serata deve però fare a meno di Gentile e il neo acquisto Blakes.

Virtus che schiera in quintetto Hackett, Belinelli, Cordinier, Shengelia e Zizic, per affrontare i Robinson, Mouaha, Rivers, Pinkins e Gamble avversari

Inizia subito forte Scafati con le triple di Robinson, Pinkins e un long two di Rivers, che portano il punteggio sul 12 a 7. La difesa sul palleggiatore di Mouaha si fa sentire, ma dopo 3 minuti è costretto a lasciare il campo a causa del terzo fallo commesso.

La Virtus inizia quindi a carburare e in un minuto e mezzo con Cordinier da oltre l’arco riporta il punteggio sull’immediato 13 a 12. Pinkins da due sfrutta l’accoppiamento su Belinelli in post, che in uscita dai blocchi l’azione successiva trova il fallo da tre di Gamble, il suo secondo dopo 5 minuti. Siamo, dunque, sul 16 a 14, e al secondo vantaggio bolognese nella partita. Vantaggio che Scafati non riuscirà più a colmare.

I campani nella prima frazione, che si conclude sul 31 a 21, offrono anche una bella pallacanestro corale, capitanata da un Robinson in vena di assistenze, ma dietro faticano a reggere il colpo, complice sì la fisicità avversaria, ma anche disattenzioni banali, puntualmente punite dall’attacco bolognese.

Il secondo quarto, dopo un bel canestro di Rivers, costretto tuttavia ad uscire momentaneamente per un infortunio alla mano, continua con diversi errori da ambo le parti, in particolare da quella bolognese che nei primi 5 minuti riescono a segnare solo 3 punti.

Pinkins pare l’unico a trovare la via del canestro con continuità, poi grazie a una tripla di Robinson Scafati ritrova il meno 1. Punteggio, però, riportato immediatamente sulle 4 lunghezze di differenza grazie alla prima delle tre triple di Abass, il cui ingresso in campo gira l’inerzia della gara.

L’impressione è che alla Virtus basti alzare le marce per trovare la via del canestro.

Grazie a una palla rubata sull’ultima azione del quarto di Robinson ad un Hackett sottotono la frazione si conclude sul 49 a 41.

Il terzo quarto inizia con una ingenuità di Rossato che commette fallo su Belinelli da tre in un tentativo di recupero. Il 3/3 dalla lunetta riporta la doppia cifra di differenza.

L’impressione è che la partita possa aver preso un indirizzo chiaro, ma Scafati non ci sta e con un canestro di Rossato ritrova il nuovo meno 4, che viene riportato quasi immediatamente sul meno dieci dalle solite due triple del “ragazzo” di San Giovanni in Persiceto, a 3 minuti dalla fine.

Frazione che si conclude quindi sul 68 a 52, con la difesa di Scafati che inizia davvero ad essere bucata come il burro.

Un circus shot di Zizic accende subito l’ultimo periodo che, tuttavia, risulta essere solo un lungo garbage time. Prima con Dobric la Virtus trova il più 20, che poi assiste Hackett per il più 22. Con 4 punti consecutivi di Zizic la Virtus il più 26 sull’88 a 62 e grazie ai cinque punti di Mascolo addirittura il divario si allarga a trenta lunghezze.

La partita termina con una schiacciata di Rivers per il 94 a 67

Virtus Segafredo Bologna

Cordinier 6,5: Un buon inizio in una partita nella quale poi si accorge che non è necessario il suo apporto. 5 punti.

Llomazs 6: In 13 minuti si limita a fare da sponda. 1 punto.

Belinelli 8: Come al solito quando gli entrano i tiri domina e per gli avversari c’è ben poco da fare in questi casi, soprattutto in una gara nella quale trova pure assist per i compagni. 18 punti e 4 assist.

Pajola 6,5: Si limita alla normale amministrazione con la consueta forza difensiva, però è impreciso al tiro. 2 punti.

Dobric 7: Raggiunge la doppia cifra in soli 13 minuti. E’ un fattore perché segna nei momenti in cui Scafati pare poter riaprire la partita. 10 punti e 2 assist

Shengelia 6,5: Non ricerca tanto la soluzione personale ma preferisce assistere i compagni. 8 punti e 7 assist.

Hackett 5,5: Decisamente sottotono, si prende una giornata di riposo, fortunatamente non c’è bisogno del suo apporto. 5 punti ma 5 palle perse.

Mickey 6,5: Alterna come spesso accade alti e bassi. Ma sono suoi i due punti per il più 6 che fermano l’emorragia nel terzo quarto. 8 punti.

Polonara 7: La sua energia quando è in campo aiuta la Virtus a mantenere salda l’inerzia della partita. 5 punti e 5 rimbalzi

Zizic 7,5: Raggiunge una solida doppia doppia in una partita che sembrava non aver approcciato nel migliore dei modi. 12 punti, 13 rimbalzi e 4 assist

Mascolo 6,5: Gioca nel migliore dei modi gli ultimi 4 minuti di garbage time. Difficile chiedergli più di così, ma difficile dare un voto più alto per via dei minuti giocati. Avrebbe meritato forse più spazio. 5 punti.

Abass 8: In 14 minuti segna 15 punti sbagliando un solo tiro da tre e un libero e coi suoi primi 9 punti limita ogni velleità avversaria nel primo tempo.

Givova Scafati Basket

Sangiovanni n.e.

Borriello n.e.

Mouaha 6,5: Garantisce una difesa arcigna sul portatore di palla. Il voto poteva essere più alto ma i suoi 3 falli nei primi 3 minuti ne limitano l’apporto complessivo. 0 punti ma +15 di +/-

Pinkins 7: Nel secondo quarto è un autentico rebus per la difesa virtussina, ma trova spazio per segnare solo in quel periodo. 16 punti e 8 rimbalzi

Rossato 6,5: Alterna buone cose ad altre un po’ meno. Ma è comunque una presenza costante nell’arco della partita. 11 punti.

Robinson 7,5: Il migliore dei suoi. Da spessore a una Scafati che non è sempre alla sua altezza. 13 punti 7 assist.

Rivers  6: Trova qualche canestro ma non riesce a incidere davvero, forse l’infortunio a inizio secondo tempo ne limita la prestazione. 10 punti e 5 rimbalzi.

Nunge 5,5: Non capisce come poter incidere. 5 punti e 5 rimbalzi.

Pini 6: Prova a dire la sua ma gli avversari sono di caratura diversa. 2 punti

Gamble 6: Raggiunge la sufficienza per la doppia cifra, ma alla lunga patisce la fisicità e la tecnica di Zizic. 10 punti.

Strelnieks 5: Completamente fuori partita in tutti i 19 minuti giocati. Non trova mai il modo di segnare. 0 punti.

Imade n.e.