VTB Treviso: le parole di Aleksej Nikolic e David Logan dal raduno

0
Logan

Al raduno della VTB Treviso la folla ha mostrato moltissimo entusiasmo per la nuova avventura nella massima serie. Sarà tutto molto stimolante e lo abbiamo chiesto a due dei giocatori più importanti: il veterano e leader David Logan, assieme al direttore d’orchestra Aleksej Nikolic.

Quali sono gli obiettivi di squadra e i tuoi personali per la stagione?

Siamo una squadra giovane e ambiziosa, con voglia di migliorare di partita in partita. È presto per dire quali siano i nostri obiettivi, lo scopriremo col tempo. La cosa più importante a livello personale come giocatore è divertirmi in campo coi miei compagni e su questo sono abbastanza fiducioso.

Perché hai scelto Treviso?

È stato abbastanza semplice, tra i motivi c’è sicuramente la storia a livello cestistico della città, in più il tifo è molto caloroso. Ovviamente ho parlato con Andrea Gracis e coach Menetti, mi hanno spiegato la situazione e quale sarebbe stato il mio ruolo, convincendomi ancora di più ad accettare la proposta.

Come ti definiresti come playmaker?

Sono una point guard più che una combo. Mi piace mettere in ritmo i compagni, gestire la squadra e difendere forte sugli avversari. Preferisco che sia il campo a parlare col tempo, darò il massimo in ogni partita per dimostrare quello che sono.

Abbiamo avuto modo di scambiare qualche parola anche con il leader spirituale e tecnico della squadra David Logan:

Hai giocato sia in serie A che nella categoria inferiore, quali credi possano essere le differenze in ottica prossima stagione?

Sicuramente in Serie A c’è molto più talento, molti coach preparatissimi e tanta qualità maggiore. Dovremo essere bravi ad adattarci e alzare il nostro livello per poter competere

Cosa vi aspettate dalla prossima stagione da neopromossa come squadra?

È difficile da dire adesso. Dovremo cercare di migliorare, fare un passo in avanti noi come giocatori e tutto lo staff. Inoltre dovremo cercare di creare la giusta chimica durante la preseason.

La tua esperienza e il fatto di aver giocato tante partite di alto livello saranno fondamentali per questa squadra.

Certo, ma ci sono anche altri giocatori di grande talento e che hanno vissuto già questo campionato. sarà un lavoro di tutti e ognuno porterà il suo contributo.