Una Napoli corale supera la Dinamo 88-79. Le pagelle

254
Napoli
Credits IPA agency

Si ferma a 5 la striscia di sconfitte consecutive della GeVi Napoli che porta 6 uomini in doppia cifra per superare una Dinamo che resta in scia finchè Brandon Jefferson (28 punti) fa pentole e coperchi ma, alla lunga, si fa superare dalla sagacia con cui Napoli applica sia la zona fronte pari che quella fronte dispari da opporre al quintetto piccolo che Nenad Markovic prova con McKinnie e Tyree in ala.

Tra i partenopei brillano i lunghi, con Zubcic (19+9r) e Owens (15+7r) in testa ma anche un Lever che fa vedere energia e grinta.

Nel finale “hack a Shaq” di Napoli su Diop che paga i dividendi.

GeVi Napoli

Pullen, 7: lavora sottotraccia ma emerge nel momento del bisogno, azzannando la partita come ha abituato il pubblico del PalaBarbuto a fare. Ideatore dell’hack a Shaq che spezza il ritmo.

Zubcic, 7: il tiro pesante latita (1/7) e lui reagisce sfoderando una prestazione da vero lungo prendendosi l’area e le alture (9 rimbalzi).

Ennis, 7,5: torna il solito cervello della squadra e le statistiche lo dimostrano, doppia doppia con 12 punti e 10 assist.

De Nicolao, 6,5: non segna, peccato, ma mette in campo energia e si spende sul portatore di palla avversario, nel terzo quarto mette la museruola a Jefferson e, di conseguenza, a tutta la Dinamo.

Owens, 7,5: verticale come sa, attacca bene l’area e oscura il duo Gombauld-Diop. Non è un caso che questi crescano quando lui è seduto in panca.

Brown, 6,5: gioca una gara operaia e si prende pochi tiri ma buoni; in difesa scherma spesso Tyree togliendogli la visuale.

Sokolowski, 6,5: solido e puntuale in difesa, compensa la giornata storta dal perimetro con tanta sostanza in area.

Lever, 7: ci mette tanta energia e Milicic lo premia con minutaggio triplo rispetto alle ultime gare. Segna e lotta come un leone.

Mabor, sv: pochi scampoli di gara ma una stoppata che cancella McKinnie.

Ebeling, sv: vede appena il campo.

Bamba, NE.

Saccoccia, NE.

 

Banco di Sardegna Sassari

Cappelletti, 6: non segna da 2 ma da 3 non puoi lasciargli spazio, raccatta 7 rimbalzi e smazza 7 assist senza catturare troppo l’occhio.

Treier, 5: non lo vedi quasi mai, che tu sia uno spettatore o un compagno. Così diventa davvero difficile incidere.

Tyree, 4,5: si vede pochissimo, annullato dalle soluzioni difensive dei partenopei; perde un po’ la testa nel secondo tempo ed esce definitivamente dal match.

Kruslin, 5: due triple estemporanee, poi pare vagare senza meta.Diop

Diop, 6,5: prova in tutti i modi a farsi vedere quando viene meno Jefferson, viene messo in difficoltà con l’Hack a Shaq di cui è vittima.

Gombauld, 5,5: segna 10 punti ma soffre in maniera pazzesca in difesa, si carica subito di falli e viene messo presto in panchina.

McKinnie, 4,5: una prestazione che fa venir voglia di rimandarlo in NBA, accompagnato da richiesta di rimborso.

Jefferson, 7,5: finchè regge è l’anima della squadra che non lo accompagna per troppo tempo. Oculus in terra caecorum.

Charalampopoulos, 4: dicono fosse in campo, non ce ne siamo accorti.