La Virtus affonda un’incerottata Treviso, le pagelle

Alla Segafredo Arena si sfidano la Virtus Bologna, prima della classe, e Treviso, fanalino di coda del campionato. Se la sfida non fosse stata già abbastanza proibitiva, gli ospiti si presentano oltre che senza l’ancora infortunato Bowman pure senza Young.
L’inizio infatti è di quelli shock, con la Virtus che dopo pochi minuti, nonostante diverse palle perse si porta sul 14 a 2. Ma i veneti riescono a rimanere attaccati alla partita grazie punti di Harrison, portandosi addirittura sul 19 a 16 a un minuto dalla fine della prima frazione, rovinato però prima da un fallo ingenuo di Camara, che regala due liberi realizzati ad un onnipresente Shengelia, e poi da una tripla presa troppo presto da Mezzanotte, trasformata in un veloce contropiede sempre dal georgiano.

Nel secondo quarto Treviso cerca di rimanere in partita con l’aiuto degli altri suoi americani, sfruttando gli errori grossolani e le brutte percentuali avversarie. Il problema è che dalla lunga Treviso trova la prima tripla proprio allo scadere del quarto con Zanelli che ferma il punteggio sul 45 a 35. Le percentuali da oltre l’arco combinando quelle delle due squadra sono di un mesto 4 su 24.
La Virtus nel terzo quarto riparte praticamente come aveva concluso quello precedente con assist di Shengelia e tripla di Abass. Con il successivo long-two di Hackett si porta immediatamente al massimo vantaggio con 15 lunghezze. Treviso è decisamente ferita, e sempre lo stesso Abass, vedendo il sangue, da tre allunga il divario prima a 18 lunghezze, poi a 24, nuovo massimo vantaggio bolognese. Per lui saranno 13 i punti nel quarto.

La terza frazione si conclude sul 72 a 47 con il +25 arrivato sempre grazie a una tripla, leitmotiv del quarto, questa volta del serbo Dobric.
L’ultimo quarto inizia con il +27 suggellato da Cacok. La Virtus pare dilagare, ma un immediato 5 a 0 Zanelli riavvicina gli ospiti vicino alle venti lunghezze.
Sostanzialmente l’ultimo quarto sarà un lungo garbage time che si conclude sul 91 a 77

Virtus Segafredo Bologna

Cordinier 7: Arriva a 16 punti aiutandosi con il garbage time, ma è sempre presente nell’arco della partita.

Belinelli 6: Serata particolare in cui entra nel tabellino senza segnare da oltre l’arco

Pajola 6: Detta i ritmi e assiste i compagni ma non c’era particolare bisogno di lui.

Smith 5,5: Perde stranamente qualche pallone in maniera grossolana. Non sembra concentrato come suo solito.

Dobric 6: Gioca pochi minuti che non gli permettono di incidere come sembrava poter fare.

Mascolo 6: Entra in campo giusto per i 6 minuti finali a partita ampiamente andata.

Cacok 5,5: Come al solito ci mette tanta voglia, ma fa anche tanta confusione. Per lui minuti comunque importanti per provare a crescere a commettere meno ingenuità.

Shengelia 8,5: Anche stasera è stato letteralmente travolgente, dominando ogni ambito del gioco. Doppia doppia da 20 punti, 10 rimbalzi, condendo il tutto con 5 assist che porta a un 35 di valutazione, career high in Virtus. E dire che aveva iniziato con due palle perse.

Hackett 7: Serata positiva per il play di Forlimpopoli.

Menalo 6: Gioca il garbage time trovando anche due punti.

Mickey s.v: Subisce un infortunio alla caviglia dopo soli 4 minuti, che lo toglie dalla partita.

Abass 7,5: Season High con 19 punti totali. Con 13 nel terzo quarto aiuta i suoi compagni a chiudere anticipatamente la partita.

Nutribullet Treviso Basket

Booker 5,5: La metà dei punti segnati arriva a risultato ampiamente deciso. Fatica ad entrare in partita, riuscendo ad aiutare i suoi concretamente solo nella metà del secondo quarto.

Zanelli 6,5: Uno dei pochi positivi della sua squadra. Fa il suo, ma senza altri aiuti non basta per provare a far danni alla difesa virtussina.

Harrison 4,5: Dopo le contestazioni di inizio settimana ha un inizio di partita decisamente ispirato con 7 punti nei primi 7′. Il problema è che poi si lascia travolgere da un nervosismo esagerato e a fine partita i punti rimangono 9 in 30 minuti.

Faggian 5,5: Partita decisamente oltre le sue possibilità, chiamato agli straordinari a causa degli infortuni dei suoi compagni riesce a trovare la via del canestro solo nel finale.

Mezzanotte 5,5: Il tabellino indica una doppia cifra che non si è percepita nel corso della partita.

Allen 5: Lo si intravede giusto nel secondo quarto.

Camara 6,5: Partita positiva per l’ex bianconero, che riesce a farsi vedere sotto il canestro avversario.

Paulicap 6,5: Davanti si vede poco, ma in difesa rifila 5 sontuose stoppate all’attacco virtussino.

Pellizzari s.v

De Marchi s.v

Scandiuzzi n.e