Zalgiris – Olimpia: si può sbagliare una decisione così? | Spiega Corrias

436
Zalgiris

L’Eurolega dell’Olimpia Milano non è ancora finita, ma la sconfitta arrivata ieri contro lo Zalgiris Kaunas assomiglia molto a un capitombolo quasi definitivo per la squadra di Messina. I biancorossi, tenuti in corsa per i Play-In dalla matematica, non hanno saputo sfruttare il match contro i lituani giocando una partita senza mordente e senza mai dare davvero l’impressione di poter vincere. Nonostante questo, senza giustificare la pessima prova dei biancorossi, alcune polemiche si sono scatenate attorno ad un fischio arbitrale in particolare, ovvero una rimessa concessa ai lituani nell’ultimo quarto. Una decisione che potrebbe essere stata decisiva poi ai fini della partita. Analizziamo l’episodio insieme a Silvio Corrias, che come sempre vi invitiamo a seguire anche sulla sua pagina WeRef.

 

ARNAS BUTKEVICIUS ( 59-54, 9.40 4Q): Il lituano penetra a canestro, Melli gli tocca il pallone che va fuori. Gli arbitri chiamano rimessa per Kaunas, i giocatori di Milano protestano per un tocco con la gamba di Butkevicius. Challenge di Messina, ma la decisione non viene cambiata. Scelta corretta o errore grossolano? 

View post on imgur.com

Sulla penetrazione di Butkevicius, Melli rischia ma tocca solo la palla. La sensazione immediata è che la palla batta sul ginocchio di Butkevicius e cambi direzione prima di uscire sul fondo. Shemnesh  – guida – ha una esitazione e poi indica direzione attacco Zalgiris! La review, su richiesta di Messina, gestita da Rocha – crew chief – si protrae a lungo ed alla fine si conclude con un nulla di fatto, nel dialogo tra gli arbitri si capisce che non abbiano rilevato elementi sufficienti per cambiare la decisione.

Le immagini sono chiarissime: la palla toccata da Melli scende in verticale e poi tocca la gamba/ginocchio di Butkevicius! I palloni moderni hanno spicchi o “mutande” di colore diverso che aiutano a vedere la rotazione della palla stessa, aspetto che viene insegnato agli arbitri per aiutarli a leggere deviazioni, tocchi accidentali o tocchi/rimbalzi sull’anello. Nelle immagini rallentate, che vediamo a casa, uguali a quelle che vedono gli arbitri, è evidente che la palla cambi due volte rotazione: la prima al tocco di Melli, la seconda sulla gamba di Butkevicius. Spesso le immagini rallentate possono confondere le idee, a volte qualcuno sbaglia per difendere a oltranza un proprio errore – è capitato più di una volta – purtroppo la decisione è inappellabile. Magari il referee department di EL proporrà la clip nei video quiz settimanali, per valutare le capacità di lettura video del gruppo.