Back to back Brescia e Torino ko, Mika:“Mi sto riprendendo”

Brescia Torino
,Germani Basket Brescia - Fiat Torino Auxilium, Flickr Leonessa
La sfida tra Leonessa Brescia e Fiat Torino è quella tra due squadre che hanno avuto un inizio difficile sia in campionato che in Eurocup e che sono in cerca di una vittoria prima della pausa per le finestre della nazionale.
Ci sono subito ritmi velocissimi con la Fiat che si affida ai suoi uomini d’esperienza, tutti in quintetto, con un Delfino in grande spolvero, mentre per la Germani è Hamilton a fare la voce grossa con una serie di giocate importanti riempiendo ogni statistica e rendendosi molto utile anche in difesa.
Rotazioni molto lunghe per entrambe le squadre, ma la “second unit” lLeonessa riesce a prendere il largo nel secondo quarto grazie all’energia dei vari Laquintana, Sacchetti e Ceron, ma nel finale proprio il numero 4 è costretto ad abbandonare il campo in barella a causa di una gomitata fortuita. Si va all’intervallo sul punteggio di 50-35.
Alla ripresa l’Auxilium prova a ricucire lo strappo grazie ad una serie di triple di Carr e ai punti di Portannese che quando vede la Leonessa si trasforma in giocatore illegale.
Brescia è sempre avanti ma all’inizio del quarto quarto Torino si avvicina pericolosamente, i suoi tifosi però in contestazione con la società tolgono gli striscioni e abbandonano il Palaleonessa.
Diana dà spazio ad un positivo Mika che sembra completamente recuperato e si rende pericoloso soprattutto con il suo jumper dalla media distanza. Nel finale gli ospiti continuano a inseguire e Brescia sembra non riuscire mai a chiuderla definitivamente, ma la partita si conclude 83-76. Per i padroni di casa una prova con alti e bassi ma decisamente  incoraggiante il fatto che ben 11 giocatori sono andati a referto, per gli ospiti Tony Carr e Dallas Moore con 15 punti. Abbiamo intervistato alcuni dei protagonisti
Jordan Hamilton, top scorer leonessa che ha chiuso con 15 punti 3 rimbalzi e 5 assist
Jordan Hamilton, Flickr Leonessa
È stata una partita molto energica, stiamo migliorando, posso e possiamo migliorare ancora, sono molto felice per questa vittoria, dobbiamo continuare così e andare avanti. Devo ringraziare il coach che ci ha preparati e motivati al meglio
Eric Mika, per il centro Mormone 11 punti e 4 rimbalzi
Eric Mika
È stata una partita importantissima, adesso c’è la pausa e chi non è al meglio come me potrà riprendersi. Abbiamo giocato di squadra, siamo stati molto uniti, i compagni mi hanno cercato spesso. Prima della partita di Trento mi stavo riprendendo poi c’è stato l’infortunio ed è stato un pò frustrante.
I miei compagni mi hanno sempre incoraggiato e anche il coach ci ha motivati tantissimo questa settimana, ci ha detto quanto fosse importante che questa squadra rimanga unita. Torino ha tanto talento anche se in classifica non è messa bene, per noi era fondamentale vincere un altra partita dopo quella contro il Galatasaray.
Il Coach di Torino Larry Brown in sala stampa
Coach Larry Brown
Abbiamo avuto un brutto inizio, Brescia è stata molto aggressiva in difesa, poi noi abbiamo alzato il ritmo, non siamo una squadra con grandi tiratori da 3 punti, ci sono stati solo 12 assist. Brescia ha fatto girare la squadra molto meglio passando bene la palla, hanno meritato la vittoria.
L’allenatore di Brescia Andrea Diana
Coach Andrea Diana
Il secondo indizio è arrivato, abbiamo trovato una conferma dopo la vittoria di mercoledì. Sicuramente abbiamo disputato un ottimo primo tempo: è stato molto importante arrivare all’intervallo con tutti i giocatori a referto, segno che stiamo cercando di coinvolgere tutti nel nostro gioco. Rispetto alle scorse partite, dopo aver subito un parziale importante abbiamo cercato di reagire subito, giocando con ritmo ed intensità difensiva.
Nel secondo tempo abbiamo tirato con percentuali troppo basse e questo ha permesso a Torino di rientrare. Potevamo far meglio, ma guardiamo il bicchiere mezzo pieno. Ci tengo, inoltre, a sottolineare i 19 assist di squadra: stiamo crescendo nella chimica e lo si vede da come i giocatori si cercano e parlano. Affrontiamo questa pausa con la voglia di continuare a lavorare e con la testa alla prossima partita. Per quanto riguarda l’infortunio di Marco Ceron speriamo non sia nulla di grave. Stasera a differenza di quello che ho fatto contro il Galatasaray ho voluto dare spazio anche alla panchina e sapevo che Ceron e Zerini si sarebbero fatti trovare pronti.