Italia, l’esordio è una passeggiata: dominio azzurro sul Bahrain

464
Danilo Gallinari
Danilo Gallinari subito in ottimo spolvero contro il Bahrain (foto Fiba)

Il primo passo dell’Italia verso Parigi 2024 è un allenamento agonistico. Troppa la differenza in qualsiasi campo tra gli azzurri ed il Bahrain (114-53 il finale) che, escluso qualche tiro da 3 punti, non mette mai in difficoltà la squadra di Pozzecco. Ne esce una sfida a senso unico, con la doppia cifra di vantaggio già raggiunta nel primo quarto, il +20 nel secondo, per poi controllare senza alcun problema sino alla sirena finale. Melli e Gallinari sono subito i leader, in una partita dove tutti riescono a dare qualcosa, con una nota particolare per Abass e Tonut. Mettendo in mostra una buona e promettente attitudine difensiva di squadra.

Italia-Bahrain | La cronaca del match

Si vede subito la differenza tra le due squadre, con gli asiatici che non vanno oltre due punti in cinque minuti, mentre Melli si fa subito sentire vicino a canestro, prima della tripla di Abass per la prima doppia cifra di vantaggio (16-4 all’8’). La prima ipoteca al successo arriva con l’8-0 per aprire il secondo periodo, quando si erge a protagonista Gallinari, spingendo gli azzurri fino al +18 (27-9 al 13’). La differenza sul parquet è notevolissima e l’Italia alza un po’ le mani dal manubrio, con qualche errore soprattutto di Ricci, consentendo agli avversari un piccolo parziale, per rientrare sul -11, con Pozzecco a chiamare timeout.

Il ct riporta la squadra sul pezzo e l’uscita dalla sospensione è un 5-0, che poi si dilata nei minuti successivi, permettendo agli azzurri di aggiornare il massimo vantaggio sul +20 (41-21 al 18’), con l’ennesimo canestro del capitano, mentre la difesa pressa e ‘soffoca’ il Bahrain. Cinque punti in fila di Tonut permettono all’Italia di doppiare gli avversari sul 46-23 prima dell’intervallo lungo, per poi dare la scossa finale alla partita in avvio di ripresa, quando Polonara e Spissu firmano il +30 azzurro. C’è spazio per tutti nel quarto conclusivo, aspettando test un po’ più impegnativi. Come quello di giovedì notte contro i padroni di casa di Portorico.

Clicca qui per il tabellino del match

Fabio Cavagnera
Lo sport ed il basket sono da sempre la mia passione, diventati poi il mio lavoro, da ormai il lontano 1998 (eh già, sono quasi tra gli 'anziani'). E Backdoor Podcast lo ritengo un mix tra passione e qualità.